Sport

Vittoria convincente della Metal Carpenteria Rari Nantes Crotone a Palermo

La Metal Carpenteria Rari Nantes Crotone, parte subito benissimo. Una vittoria convincente ed a tratti entusiasmante quella ottenuta nella piscina olimpionica di Palermo dagli uomini di mister Arcuri. Una prova di forza, qualità tecnica e organizzazione. Quella contro il Cus Palermo si presentava come una partita difficile ed equilibrata. Il neo promosso Karol cus Palermo si presenta ai nastri di partenza come una possibile pretendente alla vittoria finale del campionato. Giocatori di categoria superiore, con tantissime presenza in serie A tra le fila dei siciliani: Mattarella, addirittura campione di Italia, Lisi, e Trebino giocatori con esperienza internazionale. Una squadra costruita per vincere. La grande qualità delle due formazioni ha dato vita ad una partita di serie superiore. Al termine i pitagorici esultano, non solo per i primi tre punti ma soprattutto per aver assunto la consapevolezza di poter dire la propria in questa stagione contro tutto e tutti e su tutti i campi e di poter migliorare il piazzamento dello scorso anno.

E’ stata dunque una gara in equilibrio. Il primo parziale si sblocca sul finale di frazione, quando è Trebino, dalla destra, a sfruttare un errore in transizione difensiva dei pitagorici e ad insaccare con in tiro ravvicinato il portiere Conti. Nel secondo periodo il match si accende ed arrivano tre reti: prima il pari ospite di Paolo Morrone, quindi il nuovo vantaggio cussino con Mineo, prima del 2-2 del neo arrivato Gabriel Namar.

Al giro di boa la gara continua a vivere di equilibrio, col la Rari brava a coprire ogni spazio e ripartire con azioni pericolose. Il copione del match non cambia ed è ancora botta e risposta tra le due formazioni, con lo scatenato Morrone che porta i suoi sul 3-2, prima del pari del mancino palermitano Damiano. Quindi Riccardo Spadafora con un tiro preciso quanto beffardo porta la Metal Carpenteria davanti nel punteggio, prima che Matterella, trovi il 4-4 con un tiro deviato due volte dagli avanti crotonesi che beffa il sicuro Conti. Il quarto tempo è quello che decide l’incontro. Renè Bezic, altro neo acquisto pitagorico, sale in cattedra. Sigla il 5-4 su rigore e si trasforma in regista di un film che narra una vittoria. E’ il bivio del match. Spadafora, nuovamente, e Giuseppe Candigliota portano la gara sul 7-4 spaccando l’incontro e chiudendolo virtualmente. Mineo firma il 5-7, ma prima Morrone, tris per lui, con l’8-5, quindi Lisi nel finale chiudono il tabellina sul definitivo 9-6 per la Metal Carpenteria Crotone. Risultato certamente importante in vista del prosieguo del campionato. Una vittoria alla prima giornata di campionato vale tanto. Molto di più se conquistata in trasferta contro una squadra fortissima come quello di Palermo. Ci sarà ancora tanto da lavorare. Sia dal punto di vista organizzativo che della condizione fisica. sempre crescente questi ragazzi potranno dire la loro sino alla fine. “Abbiamo avuto il carattere giusto per mettere la testa davanti in partita al momento giusto – commenta mister Checco Arcuri. Abbiamo colto i giusti momenti per fare male alla forte squadra di Palermo. Buona prova dei ragazzi. Soprattutto dal punto di vista organizzativo e tecnico. Non era facile. Non è mai facile la prima partita di un campionato. Ansia, timore, voglia di fare, sono sentimenti comuni che possono portare a sbagliare l’approccio. Ma per fortuna non è stato così, per i miei ragazzi.” “Partita molto combattuta e equilibrata per tre tempi, giocata bene da noi, con ritmi molto intensi – commenta il mattatore di giornata il mancino Paolo Morrone. Solo nel l’ultimo quarto siamo riusciti a chiuderla e a portare a casa i primi tre punti per iniziare al meglio la nuova stagione. sicuramente questo sarà un campo non facile contro una squadra molto competitiva”.