GERARDO SACCO STRISCIA
PULIVERDE
PULIVERDE

VIDEO | Registrato negli studi di Max Mungari a Crotone il nuovo lavoro musicale di #Cleo

Pubblicato il 7 marzo 2017 alle 15:36

Dopo la sorprendente versione di ‘Brava’ di Mina (link video: https://www.youtube.com/watch?v=IzGY3baqDbo) solo piano e voce con l’accompagnamento del Maestro Daniel Bestonzo (già tastierista di Annalisa Scarrone, Red Canzian dei Pooh e Andrea Mirò, cantautrice e compagna di Enrico Ruggeri) con cui la voce misteriosa del web continua a far parlare di sé in tutta Italia ottenendo lusinghiere recensioni da parte di critica e pubblico, #Cleò torna a farsi sentire l’8 Marzo, in occasione della Festa della Donna (link video: https://www.youtube.com/watch?v=O3e6L5IzYbU&feature=youtu.be), con un altro intenso ascolto disponibile, come i precedenti, sul proprio Canale Youtube Ufficiale.
E lo fa con un motivo ben preciso: “Celebrare e omaggiare il talento di una grande artista italiana che merita di essere più spesso ricordata a dovere. Ci sono infatti stelle che brillano per un istante ma rimangono per sempre. Come Valentina Giovagnini, toscana nativa di Arezzo, interprete e cantautrice raffinata scoperta da Pippo Baudo al Festival di Sanremo del 2002, in cui conquistò il secondo posto fra le Nuove Proposte. La prima cui va riconosciuto il merito indiscusso di aver introdotto nel pop italiano d’autore frammenti preziosi provenienti dalla cultura medioevale e dalla musica celtica, in un avvolgente percorso a ritroso alla riscoperta delle radici, dichiara #Cleò.
Che prosegue: “Nel suo breve passaggio terreno, Valentina ha lasciato in dote due album, ‘Creatura Nuda’ e il postumo ‘L’amore non ha fine’: in tutto 24 tracce che rivelano all’ascolto un esotismo di ricerca nella scrittura di una tale sensibilità e delicatezza poetica che in Italia ho riscontrato solo nell’immensa produzione del grande Pino Mango”, aggiunge l’artista.
Accostarmi con estremo rispetto e umiltà al suo più grande successo scritto da Davide Pinelli con l’ottimo paroliere Vincenzo Incenzo, ‘Il Passo silenzioso della neve’, che sul palco del Teatro Ariston valse a Valentina 15 anni fa anche il ‘Premio Miglior Arrangiamento’, è stato come cogliere all’istante un invito a riscoprire l’intimità della bellezza e della purezza del repertorio di un’artista che, come fata sospesa tra Trascendente e Immanente, ci riporta indietro nel tempo a suoni ancestrali, a mondi che evocano gli archetipi degli elementi primi del Creato, ad atmosfere lontane e primordiali, al senso della coscienza fino al cuore del respiro del mondo”, racconta #Cleò.
Che ha riletto il brano in chiave moderna etno-pop ma nella stesura originale, muovendosi abilmente tra vocalità maschile e femminile, strizzando l’occhio al misticismo interpretativo di Elisa e alle raffinate armonie senza tempo di Enya, in una intensa trama di echi e rimandi suggestivi e ricchi di colore e pathos interpretativo in cui “l’impiego della ricerca dell’uso della voce come strumento si fa prima di tutto suono ancorchè significato”, puntualizza l’artista.
Registrato tra Piemonte e Calabria “come in un profondo abbraccio – dice #Cleò – tra Nord e Sud sulle ali della musica”, rispettivamente a Torino al ‘Charisma Recording Studio’ da Biagio Puma e Vanessa Lucca e al ‘Max Mungari Studio Recording’ di Crotone, “Il Passo silenzioso della neve” segna una novità nel sound degli ascolti di #Cleò: “Dalla magia del pianoforte si passa ora al suono potente e profondo delle chitarre immaginifiche disegnate ed eseguite con precisione e stile dal valente Max Mungari, avanguardista della nuova scena musicale italiana, che ha rivisitato la canzone accentuandone l’aspetto etereo e la struttura struggente e intensa”, confida entusiasta #Cleò, che al canto accompagna – nelle immagini del videoclip del brano firmato come sempre dal creativo del web Antonio Augelli – anche una delicata selezione delle frasi più intense tratte dai testi delle canzoni di Valentina Giovagnini.
Dopo l’avvolgente ‘Senza Confini’ scritta da Bungaro (link video: https://www.youtube.com/watch?v=nK05_t6m3go) realizzata solo voce e piano con il Maestro Silvano Borgatta (pianista di Phil Collins, Lucio Dalla, gli Stadio e Renato Zero), un’altra piccola spezia sonora della voce misteriosa che canta in rete senza mostrarsi, in attesa dell’uscita del primo singolo di #Cleò fissato per i primi di maggio 2017 per l’etichetta indipendente ‘Capogiro Records/Gianni Rodo Edizioni’.

#Cleò: qualcosa di nuovo si muove nella musica italiana.

wesud è aperto alla condivisione di materiale e di idee, la responsabilità civile e penale di manoscritti e immagini ricevute è da imputare esclusivamente agli autori. La redazione, pertanto, non è da considerarsi necessariamente in linea con gli stessi.

Redazione WeSud