Cronaca

VIDEO | ‘ndrangheta, operazione “Grimilde”: arresti a Reggio Emilia e nel crotonese

Arresti anche in provincia di Crotone nell’ambito dell’operazione “Grimilde” , portata a termine dalla Polizia di Stato, coordinata dalla Dda di Bologna. Sedici in tutto gli arrestati, tra di loro anche il boss Francesco Grande Aracri, oltre ai figli Salvatore e Paolo. Francesco Grande Aracri, già condannato per associazione mafiosa, viveva a Brescello, in provincia di Reggio Emilia. Il Comune è noto, oltre che per i film su Peppone e don Camillo ispirati dai libri di Guareschi, per essere stato il primo in Emilia-Romagna che venne sciolto, a fine 2017, proprio le infiltrazioni della criminalità organizzata

Nel crotonese gli arresti hanno riguardato due soggetti V.L CLASSE ’67 e B.G. CLASSE ’89 rispettivamente sottoposti alla custodia cautelare in carcere e agli arresti domiciliari, accusati il primo di associazione di tipo mafioso per aver fatto parte di un’associazione denominata ‘Ndrangheta autonomamente operante da anni nel territorio emiliano, province di Reggio Emilia, Parma, Modena e Piacenza; mentre il secondo di intestazione fittizia di beni e trasferimento fraudolento di valori aggravati dalla mafiosità.

In particolare, il V.L. quale libero professionista esperto in materia contabile, fiscale, finanziaria, in costante sinergia con i vertici del sodalizio criminale, avrebbe fornito un costante contributo per la vita dell’associazione ponendo in essere, quale consulente per ogni aspetto inerente le società della consorteria emiliana, al fine di realizzare l’occultamento del patrimonio illecito del sodalizio operazioni ed investimenti illeciti, ricerca e realizzazione di nuove attività imprenditoriali per l’infiltrazione della struttura ‘ndranghetistica emiliana nei più vari settori dell’economia.

Al B.G. si imputa, invece, di essere un soggetto a disposizione di Salvatore GRANDE ARACRI per il trasferimento fraudolento della titolarità di quote societarie al fine di eludere le disposizioni di legge in materia di misure di prevenzione patrimoniali e di agevolare la commissione dei reati di ricettazione, riciclaggio al fine di agevolare l’associazione mafiosa