Cronaca

VIDEO | Incontro in Prefettura sulla vicenda dei 52 dipendenti della Carrefour di Crotone

È durato circa due ore, ieri sera, l’incontro in Prefettura a Crotone, sulla vicenda dei 52 dipendenti della Carrefour di Crotone, licenziati con un whatsapp dal gestore del punto vendita di Località Passovecchio.

Al tavolo prefettizio, presieduto dal dott. Salvatore Guerra, ha preso parte una delegazione dei lavoratori, unitamente ai rappresentanti provinciali di Fisascat Cisl, Uil Tusc e Filcams Cgil, Salvatore Federico, Giuseppe Palmieri e Vincenzo Zizza, il sindaco della città Ugo Pugliese, la deputata del Movimento 5 stelle Elisabetta Barbuto e il consigliere comunale del gruppo ConSenso Enrico Pedace.

“Un incontro proficuo” – lo ha definito Giuseppe Palmieri della UilTucs – poiché abbiamo trovato disponibilità da parte della Prefettura e della parte politica di darci una mano. La vera difficoltà sta nel capire come affrontare il problema perché non si riesce ad avviare una interlocuzione con l’imprenditore. Durante l’incontro – ha sostenuto ancora Palmieri – è giunto un comunicato di Carrefour Italia in cui “si dissocia fermamente dalle modalità con cui questa decisione, che impatta negativamente su un’intera comunità, sarebbe stata gestita e comunicata, perché profondamente contrarie ai principi etici di business che contraddistinguono il Gruppo in Italia”.

Del dialogo avviato con la catena di supermercati e ipermercati in Italia ha poi parlato il sindaco di Crotone Ugo Pugliese.
“Ho parlato con Carrefour Italia per capire come muoverci. Lunedì avremo un nuovo appuntamento telefonico con Carrefour Italia per mettere a punto iniziative istituzionali che garantiscano i lavoratori e l’immagine per Carrefour. Confermo che tutto il Consiglio comunale si sta muovendo insieme per cercare di dare appoggio ai lavoratori”.

Sulla vicenda l’on. Elisabetta Barbuto ha annunciato che presenterà “un’interpellanza urgente e di portare all’attenzione del Ministro questa vicenda che ha definito “paradossale”.

I dipendenti del supermercato si sono detti soddisfatti per l’appoggio istituzionale e per aver visto i rappresentanti politici attivarsi subito per tutelare i loro diritti, al tempo stesso hanno dichiarato che non intendono abbassare la guardia. “Difenderemo la nostra dignità – ha sostenuto Luana Violi sottolineando che continueranno a manifestare davanti alle serrande abbassate del punto vendita di località Passovecchio. A tale proposito ha sostenuto ancora la dipendente di Carrefour Crotone “domenica 20 ottobre pranzeremo insieme alle nostre famiglie nel piazzale dell’ipermercato per richiamare l’attenzione dell’opinione pubblica alla quale chiediamo di stare al nostro fianco”.