Cronaca

VIDEO | Commemorate a Crotone le vittime di Via D’Amelio

Commemorazione anche a Crotone le vittime della strage di via D’Amelio.
Il 19 luglio del 1992 è una data che nessuno deve dimenticare perché quel giorno morirono Paolo Borsellino, Emanuela Loi, Agostino Catalano, Vincenzo Li Muli, Eddie Cosina e Claudio Traina per aver scelto di fare in fondo il loro dovere di servitori dello Stato.
Ognuno, sul loro esempio, ogni giorno deve fare qualcosa, ognuno per quello che può e per quello che sa.
Da dieci anni Libera Crotone unitamente ad Italia Nostra mantengono viva la memoria sulle stragi del 1992, ogni anno, da dieci anni nel giardino intitolato a Falcone e Borsellino vengono ricordati i nomi di coloro che hanno dato la vita per la costruzione di una società libera dai poteri mafiosi, dal malaffare e dalla corruzione
Va però sottolineato come sostenuto dal referente di Libera Antonio Tata e dal prefetto Tiziana Tombesi: Onorare le vittime di quello e dei tanti altri attentati mafiosi ha un senso soltanto se accompagnato dalla testimonianza di ciascuno di noi, dal nostro agire quotidiano.
Come ci ricorda don Ciotti “abbiamo bisogno di una memoria viva che si traduca tutti
i giorni in responsabilità e impegno. Dobbiamo trasformare la memoria del passato in
un’etica del presente”.
Onorare la memoria di Falcone e Borsellino significa far vivere i valori che ci hanno
trasmesso, soprattutto nelle situazioni difficili, di fronte alla criminalità organizzata, alla
corruzione, ai diritti negati.
Alla commemorazione hanno preso parte autorità civili e militari.