Cultura & Spettacolo

VIDEO | A Casabona la cultura della legalità passa attraverso il linguaggio universale della musica

È stato uno splendido concerto, dall’alto profilo artistico e culturale quello svoltosi nella serata di ieri a Casabona, inserito nel cartellone della seconda edizione del Festival musicale dedicato al tema della bellezza e organizzato dall’Associazione musicale “Stanislao Pisani”.

Fortemente voluto dalla terna commissariale e dall’Arma dei Carabinieri, piazza “Eroi Casabonesi” è stata teatro della splendida esibizione della Fanfara del 12/mo Reggimento Carabinieri Sicilia insieme insieme alla Banda Musicale “Stanislao Pisani”, prestigiosa e apprezzata risorsa del comune di Casabona, volano di formazione e integrazione per i giovani del posto.

Un concerto “Note di legalità” che ha regalato alla comunità Casabonese un grande l’impatto emotivo, grazie al ricchissimo repertorio interpretato dai musicisti dell’Arma, nelle loro splendidi uniformi.

Il folto pubblico, caloroso ed entusiasta, ha infatti dimostrato, di aver apprezzato l’evento riservando ai maestri musicisti della fanfara, diretti dal Maresciallo Maggiore Paolo Mario Sera e alla banda, diretta dal giovanissimo e bravo maestro Francesco Novello, applausi a scena aperta.

Attraverso il linguaggio universale della musica si è inteso veicolare la cultura della legalità e al tempo stesso profuso vitalità ed entusiasmo.

Così come auspicato dalla terna commissariale composta dal viceprefetto Vincenzo Troisi, dal viceprefetto aggiunto Giovanni Todini e dal funzionario amministrativo Gaetano Ennio Aiello,

Una splendida serata di musica è cultura, così come sottolineato dal Comandante provinciale dell’Arma dei Carabinieri Colonnello Alessandro Colella, nel suo intervento illustrando ai presenti la genesi dell’evento.

Nella Provincia di Crotone – ha ricordato Colella – sono ben cinque i comuni in regime di commissariamento per infiltrazione mafiosa. Una percentuale elevatissima per una piccola provincia qual è quella di Crotone. A tale proposito – ha sostenuto il Comandante provinciale dell’Arma dei Carabinieri – si è pensato ad una iniziativa di legalità attraverso qualcosa di importante e di insolito ovvero la banda di Casabona, composta da giovanissimi, parte sana della comunità, un immagine bella e sana di questo territorio, idea sposata dalla Fanfara. Spesso, il territorio viene evidenziato solo per episodi di cronaca, tralasciando la bellezza dei luoghi e
le persone oneste e sincere di cui è piena la regione. Attraverso la musica e il suo linguaggio, comprensibile a tutti, si è inteso puntare alla bellezza di questi luoghi e della gente onesta che li anima. Da qui un messaggio che il Comandante provinciale dell’Arma dei Carabinieri auspica arrivi a tutti, l’invito alle persone oneste oneste, che essendo di più devono alzare la testa, guardare avanti e aiutarci a rendere questo territorio più bello, affinché finalmente si parli di esso per i numerosi aspetti positivi: il suo mare, le sue bellezze, la sua gente”.

All’evento hanno preso parte il vice Prefetto Sergio Mazzia, il Vice Questore Paolo Iodice, l’on.Elisabetta Barbuto, il Comandante della Capitaneria di Porto di Crotone Giovanni Greco, il Vescovo di Crotone Santa Severina Mons. Domenico Graziani, Tommaso Blandino sindaco di Rocca di Neto, Francesco Paletta sindaco di Cirò Superiore e il Presidente della Provincia di Crotone Ugo Pugliese.

La serata é stata condotta dai giornalisti Mariangela Poerio e Enrico Aiello, ai quali al termine dell’evento il Colonnello Alessandro Colella ha inteso consegnare il libro fotografico dell’agenzia ANSA “1948-2018- “I carabinieri negli anni della Costituzione” .

In segno di riconoscimento per l’opera educativa e sociale che svolge sul territorio al giovane direttore della Banda Musicale “Stanislao Pisani” Colella ha donato il crest araldico della Compagnia dei Carabinieri di Crotone.

Le note dell’Inno di Mameli hanno concluso la splendida serata dall’altissimo valore sociale.