Cultura & Spettacolo

“Vibrazioni”, a Crotone la mostra d’arte contemporanea del Maestro Xante Battaglia

Si è tenuto ieri sera il Vernissage della mostra d’arte contemporanea “Vibrazioni” a cura del Maestro Xante Battaglia, Docente dell’Accademia delle Belle Arti di Brera a Milano, patrocinata dall’Assessorato alla Cultura del Comune di Crotone.Cinque gli artisti, tra pittori e scultori, che espongono alcune delle loro opere, Xante Battaglia, Mark Aspinall, Giovanni Arone, Luca Sanguedolce, Giancarlo Siniscalchi. Decine di splendide opere accolte tra le possenti mura della Torre Aiutante del Castello Carlo V di Crotone, location d’eccezione aperta solo in rare occasioni, che esalta ancor di più, se mai ce ne fosse la necessità, i lavori esposti.Ogni tunnel tra le mura e ogni stanza della torre militare, abbracciano dipinti e sculture tessendo un fil rouge che accomuna la diversità di stili e di presentazione delle opere. Un percorso sensoriale ed emozionale attraverso il quale il visitatore si sente trasportato in un universo artistico profondo e di alta qualità. Si viene accolti all’ingresso principale, alla base della Torre, dalle opere di Xante Battaglia curatore della mostra; ho avuto la sensazione molto singolare, nell’ammirare i suoi lavori, di passare da osservatore ad osservato, quasi come se i volti e gli occhi impressi nelle tele fossero contemporaneamente tutti animati. Il tunnel d’ingresso ci proietta direttamente nella tridimensionalità delle sculture di Mark Aspinall, tutta l’attenzione si concentra sull’installazione al centro della stanza, che cambia forma e colore a seconda da dove la si osservi. Le stanze adiacenti fanno da cornice ai visi e ai profondi occhi dipinti da Luca Sanguedolce, grandi tele che suscitano grandi emozioni. Il percorso di sensi e sensazioni continua attraverso le opere di Giancarlo Siniscalchi, altro autore crotonese che con tecnica mista richiama tematiche moderne e geometrie della Grecia antica. Le stanze del piano superiore ospitano le sculture di Giovanni Arone, è questo il momento in cui si riesce mentalmente ad abbandonare definitivamente le vicende dei nostri giorni per tornare indietro alle battaglie epiche dei Krotoniati, sentire i rumori di spade e scudi che si sfidano in battaglia, vivere vittorie e sconfitte attraverso i volti che si celano sotto gli elmi di pietra sapientemente lavorati e scolpiti da uno dei maggiori esponenti del Pitagorismo moderno.La serata di ieri si è conclusa con la performance della scultura vivente del maestro Battaglia, che ha creato davanti agli occhi piacevolmente stupiti dei presenti, un’opera d’arte sul corpo sinuoso di Caterina. Opera chiaramente firmata dall’autore, perché come egli stesso dice “è la firma che cambia l’oggetto”.La mostra sarà disponibile fino al 29 agosto, tutti i giorni dalle 10.00 alle 13.00 e dalle 17.00 alle 20.00. Sarà possibile conoscere gli artisti e chiacchierare con loro, che a turno presenzieranno nelle sale della Torre Aiutante.Fabrizio Carbone

Articoli correlati