Cronaca

Tromba d’aria a Crotone: imprenditori e Amministrazione stilano un documento per il Governo

Gli imprenditori crotonesi colpiti dalla tromba d’aria del 25 novembre 2018 sono stati convocati questa mattina dal sindaco di Crotone Ugo Pugliese.
Un’incontro per stabilire le linee da adottare dopo aver appreso la notizia del mancato riconoscimento dello stato di emergenza, nonostante all’indomani degli eventi calamitosi lo stesso ministro per il Sud, Barbara Lezzi, aveva effettuato un sopralluogo nelle aziende messe in ginocchio dall’evento calamitoso.
L’incontro si è svolto nella sala consiliare del Comune di Crotone alla presenza dell’assessore alle Attività Produttive, Sabrina Gentile, l’assessore alla Protezione Civile, Leo Pedace, la consigliera Regionale, Flora Sculco, e il presidente di Confindustria, Michele Lucente.
“E’ necessario, alla luce di quanto verificatosi, fare fronte comune” ha sostenuto il sindaco Pugliese, che ha inoltre proposto l’istituzione di un tavolo tecnico regionale aperto a tutte le rappresentanze istituzionali del territorio.
Nel corso dell’incontro è stato redatto e condiviso un documento nel quale l’amministrazione propone la predisposizione di una relazione unica sottoscritta da Comune ed Associazioni di Categoria, che rappresenta al Ministero dello Sviluppo Economico, al Ministero dell’Economia e Finanze e al Ministero del Sud le conseguenze subite dal tessuto imprenditoriale crotonese a seguito degli eventi calamitosi del 20 e 25 novembre 2018.
Tale relazione dovrà specificare: i settori produttivi coinvolti, gli effetti in termini di indotto, le conseguenze a livello occupazionale, i danni strutturali per singola impresa. Si proporrà ai Ministeri che hanno specifica competenza: di concedere un moratoria per almeno tre anni sulle imposte del Governo centrale, di prevedere agevolazioni fiscali in termini di esenzione di imposta o crediti di imposta per investimenti destinati alla ristrutturazione aziendale, sgravi contributivi sui lavoratori ed accesso ad un fondo di garanzia per l’accensione di finanziamenti destinati alla ristrutturazione aziendale, comunque garantiti dalla Regione Calabria.
“Se ci sarà il Consiglio dei Ministri in Calabria sarebbe opportuno che si inserisse nell’agenda di Governo anche la problematica che investe in nostri imprenditori” ha concluso il sindaco Ugo Pugliese.