Cronaca

Tartarughe “Caretta caretta”, quattro esemplari morti in meno di mese lungo le spiagge del crotonese

Non passa giorno in cui sulle spiagge del litorale crotonese non si denunci la presenza di tartarughe Caretta Caretta morte o ferite.
L’ultima, in ordine di tempo è stata rinvenuta nella giornata di ieri a San Leonardo di Cutro, il giorno prima il ritrovamento era avvenuto sulla spiaggia di Le Castella.
In meno di un mese sono quattro le tartarughe morte rinvenute nel tratto di spiaggia tra Le Castella e San Leonardo Cutro, due esemplari sono morti per la plastica, uno aveva ancora la bocca piene di buste.
L’appello da parte dei volontari del WWF è indirizzato ai pescatori, per il recupero di esemplari in difficoltà. L’aiuto dei pescatori è di fondamentale importanza. Salvare è possibile solo attraverso interventi tempestivi. In questa direzione il WWF di Crotone sta lavorando alacremente, diversi sono infatti gli incontri avviati con i pescatori del territorio provinciale. Ogni minuto è prezioso. “Uno studio eseguito su oltre 560 tartarughe marine Caretta caretta che vivono nel Mediterraneo centrale – rende noto il WWF – ha mostrato la presenza di frammenti e resti di plastica nell’80% degli animali. Alcuni esemplari avevano ingerito fino a 170 frammenti. La presenza di plastica sulle spiagge può compromettere anche le nidificazioni: la sabbia in cui mamma tartaruga depone le sue uova, in presenza di frammenti di plastica non mantiene la stessa umidità e modifica la temperatura, con ripercussioni sullo sviluppo e la schiusa”. Le Tartarughe Caretta caretta, sono una specie protetta e ad altissimo rischio estinzione, pertanto é di fondamentale che i pescatori collaborino rispondendo all’appello del WWF.