Attualità

Spese e progetti di Antica Kroton sotto la lente di un “coordinatore” che sarà scelto tra le Forze dell’Ordine

Sulla gestione degli appalti di “Antica Kroton” vigilerà un esponente delle Forze dell’Ordine, che sarà nominato dal Ministero. La notizia é stata resa nota dalla senatrice Margherita Corrado. Intorno al progetto, rende noto la senatrice Corrado sarà attivato un protocollo di legalità che prevede un monitoraggio civico, così come accade a Sibari. Per monitoraggio civico si intende: cittadini che monitorano, in ogni sua fase un progetto, avendo anche accesso ai cantieri. Un modello straordinario che verrà applicato anche al progetto “Antica Kroton”. 61,7 milioni di euro sono molto appetibili, soprattutto in una realtà in cui la criminalità si infiltra nella già scarsa economia del territorio. Il ministro Costa e il segretario generale Panebianco hanno infatti stabilito la nomina di un coordinatore a cui verrà affidato il ruolo di regia.
La stessa Corrado aveva chiesto che si potesse vigilare sul progetto “Antica Kroton” con la stessa modalità messa in atto a Pompei, proposta accolta in parte in virtù della nomina di un coordinatore.
“Si tratta di una iniziativa importante, che mette ulteriormente in sicurezza questo progetto, insieme al monitoraggio civico che è fondamentale. Lo dico – ha sostenuto la senatrice Corrado – per esperienza diretta fatta a Sibari”. La popolazione attraverso questa azione potrà comprendere tutti i passaggi fatti, che sono tanti e delicati, che sono dietro all’apertura dei cantieri e altrettanto delicati. Complessi e da monitorare, passo passo, sono anche quelli che attengono allo svolgimento del lavoro sui cantieri. Mi sento di essere più tranquilla – ha proseguito la senatrice Corrado – avendo avuto questa rassicurazione, rispetto a quello che sarà l’iter per questa progettazione”.
La stessa Corrado, nell’aprile dello scorso anno, aveva chiesto al Mibac un commissario così come avvenne per Pompei, richiesta dunque accettata, seppure in parte.