Attualità

Si celebra oggi la Giornata Mondiale della Fibromialgia

Dopo aver percorso gli oltre 180 km del Cammino lungo la Via Francigena, l’Associazione Italiana Sindrome Fibromialgica (Aisf Onlus) scende nelle piazze italiane per celebrare la Giornata Mondiale della Fibromialgia. Mentre il mondo scientifico si interroga sull’uso della Cannabis terapeutica nella cura di questa malattia, volontari e pazienti saranno ai banchetti informativi in molte città e presso i quali sarà possibile acquistare le campanule, il fiore simbolo della patologia. Dolori diffusi, affaticamento costante, frequenti mal di testa, insonnia: sono tra i principali sintomi di questa malattia ‘invisibile’ che colpisce sopratutto le donne. Tra le opportunità terapeutiche emerse in questi ultimi anni, vi è la cannabis terapeutica, “un farmaco che agisce su specifici recettori del nostro cervello, sia con un’azione analgesica che con un’azione antinfiammatoria”, spiega Sarzi Puttini, direttore Unità Operativa Complessa dell’Ospedale Sacco di Milano e presidente di Aisf. Questi meccanismi possono essere utili per due motivi. “In primo luogo perché le terapie che abbiamo finora avuto a disposizione – prosegue l’esperto – non sono sufficienti per controllare dei sintomi; in secondo luogo perché la cannabis terapeutica è un fitofarmaco ben tollerato e che sta dando risultati significativi negli studi preliminari e non sembra avere gli stessi effetti di dipendenza osservabili con gli oppioidi”. Al momento, però, mancano studi adeguati sull’efficacia clinica delle varie formulazioni. “La difficoltà – specifica Sarzi Puttini – è decidere la modalità di somministrazione e assicurare la giusta quantità di principi attivi all’interno di ciò che si somministra”.