Sport

Serie B, Crotone beffato al Menti: la Juve Stabia vince 3-2 nel finale con un gol dell’ex Addae

Ennesimo passo falso del Crotone che nel 24esimo turno di Serie B cade in casa della Juve Stabia beffato nel finale da un gol dell’ex Addae dopo un match a dir poco spettacolare. Finisce 3-2 per le vespe. Nona sconfitta stagionale per i pitagorici che rimangono fermi a quota 37 punti, momentaneamente a braccetto con Spezia e Frosinone, entrambe con una partita in meno.

Match scoppiettante a Castellammare. Partenza sprint dei padroni di casa che al 13′ raccolgono il meritato vantaggio con una gran girata di tacco di Forte, bravo a farsi trovare sul primo palo sugli sviluppi di un corner e spingere in porta il pallone cha vale l’1-0. Il Crotone reagisce sfiorando il gol con Benali (15′), rischia il doppio svantaggio ad opera di Canotto (conclusione respinta da Cordaz al 20′) ma al 24′ trova l’occasione giusta per riportarsi in parità: Barberis serve Simy al centro dell’area, tacco geniale del nigeriano che manda Armenteros a tu per tu con il portiere, lo svedese non sbaglia e fredda Provedel firmando l’1-1. La partita si accende. Le due squadre si allungano sempre di più viaggiando a ritmi altissimi e i calabresi volano sulle ali dell’entusiasmo approfittando dell’inerzia del match per ribaltare il risultato: al 34′ Molina mette un bel pallone in mezzo, la difesa campana respinge ma Gerbo ci arriva e la rigioca in area pescando Benali dalle retrovie che spinge in rete facendo esplodere il settore occupato dai tifosi ospiti. L’incontro però rimane equilibratissimo. Non a caso, la Juve Stabia non lascia neanche il tempo di festeggiare agli squali e riacciuffa il 2-2 con una parabola imprendibile di Calò al 37′, che su punizione spiazza Cordaz e timbra il settimo centro stagionale. Il Crotone non ci sta e prova a siglare il nuovo vantaggio con Messias prima e Armenteros poi, l’occasione più ghiotta capita però sui piedi di Simy, che allo scadere si divora il 2-3 mancando l’appuntamento col pallone dopo una respinta corta di Provedel su tentativo di Barberis.

Nel secondo tempo il Crotone aumenta il baricentro e sfiora il vantaggio a più riprese, la Juve Stabia si copre come può e di tanto in tanto continua ad impaurire la retroguardia rossoblù con le percussioni offensive di Forte e Canotto, vere e proprie spine nel fianco per Marrone e compagni. Scoccata l’ora di gioco Stroppa prova a dare una scossa ai suoi inserendo forze fresche: dentro Crociata, Mustacchio e Mazzotta, fuori Armenteros, Gerbo e Molina. Caserta risponde invece con Elia, Ricci e Rossi. Gli ospiti spingono il piede sull’acceleratore alla ricerca dei tre punti e all’80’ ci vanno vicinissimi con il neo entrato Mazzotta che scappa via sulla sinistra approfittando di un filtrante di Messias e si divora il vantaggio lasciandosi ipnotizzare da Provedel. Gol mancato, gol subito. Nonostante le numerose sortite rossoblù infatti, la Juve Stabia non molla di un centimetro e al 90′, grazie ad un corner gentilmente concesso dalla retroguardia pitagorica, beffa gli avversari con un colpo di testa sontuoso dell’ex Addae che salta più in alto di tutti e ribadisce in rete l’ennesimo cross perfetto di Calò. Finisce 3-2 per le vespe. Il Crotone torna a casa a mani vuote e con l’amaro in bocca nonostante la buona prestazione.

JUVE STABIA – CROTONE 3-2: 14′ Forte, 24′ Armenteros, 34′ Benali, 37′ Calò, 90′ Addae.

JUVE STABIA (4-3-3): Provedel; Vitiello, Fazio Troest, Germoni; Addae, Calò, Mallamo; Canotto (86′ Rossi), Forte, Bifulco (71′ Elia (78′ Ricci)). A disp.: Polverino; Allievi, Melara, Di Gennaro, Izco, Mezavilla, Tonucci, Buchel.
All. Caserta.

CROTONE (3-5-2): Cordaz; Curado, Marrone, Cuomo; Gerbo (67′ Mustacchio), Benali, Barberis, Messias, Molina (79′ Mazzotta); Simy, Armenteros (64′ Crociata). A disp.: Figliuzzi, Festa; Golemic, Gigliotti, Spolli, Jankovic, Gomelt, Maxi Lopez, Rutten.
All. Stroppa.

Ammoniti: 17′ Germoni, 27′ Addae, 40′ Gerbo, 42′ Marrone, 55′ Fazio, 70′ Bifulco, 87′ Curado.

Arbitro: Massimi di Termini; Assistenti: Raspollini, Mokhtar; IV Ufficiale: Robilotta.