GERARDO SACCO STRISCIA
METAL CARPENTERIA
METAL CARPENTERIA

Sequestrati quattro capannoni dalla Procura di Crotone che blocca il pericolo di una futura speculazione edilizia

Pubblicato il 12 gennaio 2018 alle 14:38 - di Redazione

I Carabinieri Forestale della Procura di Crotone hanno eseguito, questa mattina, il sequestro preventivo di quattro capannoni non ancora ultimati, costruiti sulla sommità della collina in località Reina a Crotone.
Il provvedimento è stato emesso dal Gip Michele Ciociola, su richiesta del PM Gaetano Bono, titolare delle indagini. Con questo sequestro la Procura assesta un altro importante colpo per arrestare l’ennesimo tentativo di speculazione edilizia nel territorio crotonese: i quattro capannoni, formalmente ed apparentemente autorizzati per la lavorazione di prodotti agricoli, erano invece con grande probabilità destinati ad una futura trasformazione in tanti appartamenti con vista mozzafiato sul golfo di Crotone ed invidiabile ubicazione, da rivendere a fortunati e facoltosi acquirenti: non a caso i lavori sono fermi sin dal 2010 e nessun intervento per attrezzare gli immobili è stato mai avviato. Peraltro la loro mancata ultimazione rende ancora più indigeribile l’intervento edilizio, che ben si merita il nome di ecomostro, se si considera che non ci sono altri edifici intorno e dunque deturpa lo skyline della zona rompendo l’omogeneità del profilo caratterizzato dal susseguirsi ininterrotto delle dolci sommità delle colline. E, guardando l’orizzonte sia dalla SS106 sia dal mare, i quattro capannoni hanno l’effetto di un pugno allo stomaco. Come già per l’intervento decisivo sul Marine Park Village di Punta Scifo, anche in questo caso è stato contestato il reato di lottizzazione abusiva compiuta con la complicità dei dirigenti comunali che nell’anno 2006 (con proroga nel 2010) hanno rilasciato un permesso di costruire omettendo di considerare che il progetto era privo del “piano di utilizzazione aziendale”, indispensabile per l’autorizzazione a nuove costruzioni in zona agricola. Nel registro degli indagati sono stati iscritti i dirigenti comunali STABILE Gaetano Stabile (cl. 1955) quale responsabile del procedimento e Sabino Domenico  Vetta(cl. 1945) quale dirigente del settore 4 “pianificazione e gestione del territorio”, nonché Buonaccorsi (cl. 1966) progettista e direttore dei lavori e Orlando Fantasia (cl. 1982), Armando Scalise (cl. 1959) e Salvatore Scalise (cl. 1968), titolari del permesso di costruire e committenti dei lavori.

IL MONDO DELLA TECNOLOGIA PEDONE
Condividi
Share on FacebookTweet about this on TwitterPrint this page

wesud è aperto alla condivisione di materiale e di idee, la responsabilità civile e penale di manoscritti e immagini ricevute è da imputare esclusivamente agli autori. La redazione, pertanto, non è da considerarsi necessariamente in linea con gli stessi.

Redazione