Cronaca

Sequestrati dalla Guardia di Finanza 300 mila articoli natalizi non sicuri nel Cosentino

Nel più ampio contesto dei consueti servizi in materia di sicurezza prodotti, in prossimità delle festività natalizie, i Finanzieri del Gruppo di Cosenza hanno sottoposto a sequestro oltre 300.000 luminarie, giocattoli ed adesivi natalizi, destinati alla libera vendita seppur carenti dei contenuti minimi informativi obbligatori per legge e pertanto potenzialmente pericolosi per i consumatori.
Quattro le attività commerciali coinvolte, situate nell’area urbana cosentina e nella prima periferia, le quali si erano rifornite di ingenti quantitativi di articoli a tema non conformi alle disposizioni normative vigenti, che esponevano i clienti a potenziali rischi per la salute in caso di utilizzo.
La merce in sequestro, in apparenza di discreta qualità, ad un esame più accurato è risultata difforme rispetto agli standard qualitativi previsti dal Codice del Consumo.
I prodotti in sequestro risultavano sprovvisti delle più elementari informazioni utili alla tutela del consumatore, quali la provenienza, le modalità di utilizzo, le indicazioni merceologiche nonché l’eventuale presenza di materiali o sostanze pericolose.
Nel corso degli interventi sono stati anche identificati tutti i dipendenti delle attività commerciali ed in particolare 5 di questi sono risultati lavorare “in nero”, ovvero privi di un regolare contratto di lavoro e di copertura assicurativa.
A conclusione dell’operazione, oltre al sequestro della merce si è proceduto a segnalare i responsabili delle attività commerciali alle Autorità Amministrative competenti per l’accertamento delle violazioni amministrative e per la confisca dei beni sequestrati.
Il servizio svolto dalla Guardia di Finanza rientra in un più ampio dispositivo, di contrasto alla commercializzazione di prodotti illeciti, volto a garantire il regolare svolgimento del libero mercato ed a tutelare la salute dei consumatori soprattutto di quelli più giovani.