Cronaca

Sequestrati beni a Grande Aracri

I Carabinieri di Reggio Emilia hanno sequestrato a Brescello, fin dalle prime ore della mattina, beni riconducibili alla cosca Grande Aracri. La misura, emessa dal tribunale di Reggio Emilia su richiesta della Dda di Bologna, riguarda beni immobili di proprietà di parenti di Francesco Grande Aracri, fratello del boss Nicolino. Il sequestro preventivo ammonta ad un valore corrispondente di circa mezzo milione di euro il sequestro preventivo di beni che colpisce Francesco Grande Aracri – 59enne residente a Brescello (Reggio Emilia), condannato con sentenza definitiva per associazione di stampo mafioso – ed indirettamente l’omonima cosca della ‘ndrangheta capeggiata dal fratello Nicolino, detenuto.\nInoltre sempre a Brescello, i Carabinieri del Comando Provinciale e gli ufficiali giudiziari di Reggio Emilia, hanno iniziato la notifica del Decreto di «confisca di prevenzione antimafia» emesso dal Tribunale di Reggio Emilia dei beni già sequestrati alla cosca Grande Aracri.\nLa confisca ed il sequestro di oggi seguono le misure dell’8 novembre 2013, quando ci fu il primo provvedimento disposto in Emilia Romagna di sequestro patrimoniale preventivo anticipato in base al codice delle leggi antimafia e delle misure di prevenzione.\nGli ulteriori sequestri – a firma del collegio presieduto dal Presidente del Tribunale di Reggio Emilia Francesco Caruso – sono frutto di un’ulteriore richiesta avanzata dalla Direzione Distrettuale Antimafia di Bologna (Pm Marco Mescolini) sulla scorta delle nuove risultanze emerse durante le diverse udienze dibattimentali tenute sul sequestro del 2013, supportate da riscontri raccolti dai Carabinieri del Comando Provinciale di Reggio Emilia.\nSotto sequestro, questa volta sono finiti un’azienda per la lavorazione del marmo nella stessa area già sottoposta a sequestro, intestata a Paolo Grande Aracri e Carmelina Passafaro, figlio e nuora di Francesco, nonchè un’abitazione ed un’autorimessa intestate alla figlia Rosita.\nSono già stati attivati i canali formali con la Agenzia Nazionale per l’amministrazione dei beni confiscati alla criminalità organizzata per la parte di competenza relativa alla prosecuzione della gestione ed eventuale destinazione.\nIntanto proprio nel Municipio di Brescello, proseguono i lavori della commissione di indagine nominata dal Prefetto di Reggio Emilia per verificare il condizionamento della cosca sull’amministrazione comunale