Politica

Sculco minimizza, nessuna divisione con Ugo Pugliese ma “simbiosi, sinergia e unità di intenti”

Riceviamo e pubblichiamo

Il sindaco della città, Ugo Pugliese, nella giornata di lunedì ha emesso un comunicato nel quale esprime più considerazioni sulla vicenda politica cittadina ed in particolar modo su alcuni aspetti sui quali non si può che convenire.
Ha ragione Pugliese quando sostiene che bisogna ridurre ogni polemica e concentrarsi, invece, di più sulle problematiche da affrontare per sfruttare le tante e eccezionali opportunità che ha conquistato La Prossima Crotone.
D’altra parte questo era lo spirito, il contenuto e gli obiettivi che si proponeva il documento “Riorganizzare per Rilanciare” ampiamente discusso, nelle scorse settimane, all’interno della coalizione e oggi, riproposto, con maggiore determinazione, nella nota del sindaco.
Il percorso tracciato nel documento, così come evidenziato dal sindaco, è la strada giusta per affrontare con un rinnovato impegno l’attività politica e di governo, espressione magistralmente esplicata da Ugo Pugliese quando scrive: “Ho condiviso con tutti il principio fondamentale che l’azione amministrativa sia incisivamente rilanciata condividendo con la maggioranza gli obiettivi e le linee strategiche che devono caratterizzare la prosecuzione dell’esperienza amministrativa, stabilendo le priorità su cui concentrare il percorso”.
Così come appare estremamente condivisibile l’appello lanciato dal sindaco: “concentrarsi su più importanti e vitali argomenti che riguardano il futuro della città”.
Ha ragione ancora di più il sindaco quando declina e descrive le prerogative che la legge attribuisce al suo ruolo. È del tutto evidente che una coalizione, politica e istituzionale, discuta e si confronti su ogni aspetto e su tutte le scelte che devono essere compiute per dare luogo agli assetti organizzativi e efficacia all’azione amministrativa. Il sindaco è all’apice di questo processo di partecipazione democratica, tocca, infine, a lui assumere legittimamente oltre che autorevolmente le decisioni conseguenti.
Mi sorprende, a questo punto, la lettura che alcuni hanno voluto dare del comunicato del sindaco, immaginando una frattura e una divisione dove invece c’è simbiosi, sinergia e unità di intenti.
Appare ancora di più condivisibile l’affermazione del sindaco quando richiama la necessaria “autonomia” che deve caratterizzare l’azione di tutti i gruppi dirigenti, dal primo all’ultimo, e dell’intera coalizione de La Prossima Crotone, a qualunque livello e in qualunque circostanza.
L’autonomia è un requisito indispensabile, che deriva e trova legittimazione nella fiducia espressa tramite il libero voto dei cittadini crotonesi.
Autonomia che non può essere in alcun modo messa in discussione da chiunque non abbia le proprie radici nelle ragioni fondative che hanno dato vita a questa coalizione e da cui sono scaturiti gli assetti politici e di governo della città.
Enzo Sculco