Sport

Sassuolo – Crotone 2-1: Gli squali sfiorano il colpaccio, Sensi e Iemmello rimontano nel finale

Una sconfitta che lascia l’amaro in bocca quella di oggi pomeriggio al Mapei Stadium di Reggio Emilia. Il Crotone sfiora l’impresa, va subito in vantaggio con Falcinelli nel primo tempo e regge per 80′ minuti alle offensive avversarie colpendo due traverse che potevano valere il raddoppio. Nel finale un blackout difensivo lungo tre minuti consente al Sassuolo di ribaltare la partita grazie alle reti di Sensi e Iemmello che spezzano i sogni di gloria alle migliaia di tifosi rossoblù giunti per l’occasione in terra emiliana.
Un vero peccato per la squadra pitagorica che si era comunque schierata bene in campo: la difesa a quattro impostata da Nicola sembrava dare garanzia, fuori Ceccherini con Rosi e Martella più bassi, centrocampo a tre e tridente offensivo composto da Falcinelli, unica punta, davanti a Palladino e Tonev pronti a rientrare per dar man forte in mezzo al campo. Una formazione a specchio, per rispondere al meglio al 4-3-3 di Di Francesco che per l’occasione schiera l’ex Federico Ricci dal primo minuto.
Gli squali impiegano poco per ambientarsi e alla prima occasione buona passano in vantaggio: non sono trascorsi neanche 2′ e Tonev pesca Rosi in contropiede, il terzino si invola sulla destra e serve in mezzo all’area l’ex di turno Falcinelli che ruba il tempo alla difesa e batte Consigli. Il primo gol in campionato dell’attaccante rossoblù suscita l’immediata reazione dei padroni di casa, Defrel colpisce la traversa solamente un minuto dopo, e durante tutta la prima frazione i neroverdi si rendono protagonisti di un vero e proprio assedio nei confronti della porta difesa da Cordaz, senza però trovare la via giusta per il pareggio, respinti anche dall’ottima prestazione dei centrali Ferrari e Claiton.
Il Crotone regge l’urto finché nella ripresa Di Francesco cambia le carte in tavola azzeccando in pieno le sostituzioni, i pitagorici sfiorano il raddoppio al 49′ con Falcinelli che colpisce la traversa dopo un colpo di testa, e allora il tecnico di Pescara decide di dare più peso al reparto offensivo inserendo allo stesso tempo fantasia al centrocampo: fuori Ricci per Matri e Biondini per Sensi.
Nicola invece risponde con timidezza, il tecnico piemontese prova a coprirsi per congelare il risultato come è giusto che sia, ma ad un quarto d’ora dalla fine si assume un gran rischio inserendo Doussenne (disastroso nelle ultime uscite) e Mesbah (esordio per l’algerino) al posto di Claiton e Martella protagonisti di una buona e solida prestazione soprattutto in fase di copertura.
Allo stesso tempo, tra le fila neroverdi Defrel lascia spazio a Iemmello, il Sassuolo alza pericolosamente il baricentro e nel finale cambia volto. Il Crotone colpisce una traversa all’83 con Capezzi direttamente su calcio di punizionei padroni di casa approfittano del capovolgimento di fronte e la difesa rossoblù si fa cogliere impreparata, lasciando a Sensi la possibilità di pareggiare con un tiro che si infila alle spalle di Cordaz dopo una leggera deviazione di Doussenne. Gli squali rimangono catatonici, affranti dal pareggio ottenuto dagli avversari e dal sogno all’incubo, ormai si sa, il passo è breve.
I calabresi perdono la testa e si lasciano addirittura sorpassare da Iemmello all’86’: l’ex Foggia brucia il tempo a tutta la retroguardia e sugli sviluppi di un corner sfrutta di testa l’occasione per firmare la rete che completa definitivamente la rimonta del team di Squinzi. 2-1 Sassuolo, e tanta amarezza.
Tanta delusione sugli spalti al triplice fischio, pochi gli applausi di incoraggiamento per una squadra che dopo 8 gare ha racimolato solo un punto, soccombe sul fondo della classifica della massima serie e anche oggi ha purtroppo dimostrato che nonostante l’impegno, forse questo collettivo non può competere più di tanto nella bagarre che porterà alla salvezza. Il Crotone rischia un campionato da record negativo oltre ad una semplice retrocessione. Urge un cambio di rotta definitivo. Solo una vittoria può far cambiare marcia a questa squadra. L’ultima speranza diventa a questo punto l’Ezio Scida, che tra una settimana vedrà il suo esordio in serie A in occasione di Crotone – Napoli. Sarà un esordio fortunato? Noi continuiamo a sperare.