Cronaca

San Giovanni in Fiore: Monta la protesta degli “Invisibili”

Li hanno soprannominati “Gli invisibili” sono uomini e donne senza un occupazione.
Invisibili perché nonostante i numerosi appelli e gli incontri avutile istituzioni sembrano non vedere e non sentire le loro richieste.
A San Giovanni in Fiore monta la protesta di 150 disoccupati che minacciano l’avvio di uno sciopero della fame.
Si tratta in prevalenza di giovani, di cui circa 40 donne, minorenni, precari, intellettuali e licenziati Uomini e donne che chiedono semplicemente venga affermato un loro diritto, “avere un lavoro”.
Dopo aver stazionato per giorni davanti al palazzo del Municipio, dal pomeriggio di mercoledì 2 marzo, hanno deciso di occupare la sala consiliare del comune.
Nei giorni scorsi hanno avuto un incontro con il Prefetto di Cosenza Gianfranco Tomao ed ora attendono, attraverso la sua mediazione qualcosa di concreto.
Un incontro giudicato positivamente dai componenti della protesta, una vera e propria iniezione di ottimismo che con il passare delle ore ha lasciato il posto allo sconforto, nonostante abbiano ricevuto molteplici attestati di solidarietà.
Ora, mentre monta la protesta, occorre attendere l’incontro con il primo cittadino Giuseppe Belcastro che nel pomeriggio di ieri ha incontrato il prefetto Tomao che ha chiesto al sindaco di San Giovanni in Fiore un resoconto della situazione che si registra nella cittadina sillaba ed in particolare sulle vicende che ruotano intorno ai manifestanti.
L’emergenza lavoro richiede un attenta analisi che a detta dei manifestanti deve avvenire nel corso dei lavori del consiglio comunale e ne chiedono uno ad hoc.