Politica

Salvatore Pacenza: “Lasciare fuori Crotone dalle candidature all’uninominale, significa spingere l’elettorato moderato all’astensione”

«Le indiscrezioni che trapelano in merito alle candidature per il centrodestra nelle liste uninominali di Camera e Senato per il collegio Calabria 5 mettono in evidenza la politica blanda portata avanti dalle forze moderate sul territorio di Crotone negli ultimi periodi». È la reazione dell’ex consigliere regionale Salvatore Pacenza rispetto ai rumor riguardanti il centrodestra e le candidature nelle liste che concorreranno il prossimo 4 marzo alle Politiche. «Lasciare fuori Crotone – commenta l’ex presidente della commissione Sanità, oggi medico dirigente dell’Asp pitagorica – dalle candidature all’uninominale, significa spingere l’elettorato moderato all’astensione, o peggio al voto di protesta. Al di là delle comprensibili difficoltà – prosegue Pacenza – che il sistema elettorale sta comportando alle coalizioni nella composizione delle liste, questo è un aspetto che non può essere tralasciato, né tanto meno affidato alla logica della fedeltà politica degli elettori. Siamo in una fase – esorta Pacenza – dove è ancora possibile recuperare, ma tocca adesso ai dirigenti del centrodestra crotonese far prevalere quelle ragioni che, ad oggi, tengono fuori Crotone da una sempre più probabile vittoria della coalizione alle prossime elezioni. Mi auguro – conclude – che sappiano sbattere i pugni per ribaltare un quadro già disastroso in partenza per il centrodestra crotonese».