Politica

Roccisano firma accordo Ufficio Scolastico Regionale

La Giunta regionale, nella seduta di ieri, su proposta dell’Assessore al Lavoro Federica Roccisano, ha approvato due delibere, a dimostrazione della volontà di  cambiamento su cui sintende lavorare. La prima delibera  informa una nota dellUfficio stampa della Giunta – riguarda l’atto d’indirizzo per le procedure di accreditamento o di autorizzazione provvisoria, al trentuno dicembre, delle strutture di accoglienza dei minori stranieri non accompagnati. Si tratta di un atto che prevede la sottoscrizione di un protocollo dintesa tra Regione, Prefetture, ANCI Calabria e Tribunale dei minori. Le procedure di accoglienza dei Minori stranieri non accompagnati sono state, di recente, al centro di aggiornamenti del quadro normativo allinterno della Legge di Stabilità per il 2015 con l’individuazione presso il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali del Fondo Nazionale per laccoglienza dei Minori Stranieri non accompagnati. Al fine di adeguarsi alle modifiche fatte dal Ministero, con cui viene previsto  che lerogazione sia fatta direttamente ai Comuni, la Regione, con questo Protocollo, darà la possibilità al Ministero dellinterno di liquidare le somme previste alle strutture che hanno ospitato minori stranieri non accompagnati. Si tratta di un percorso che va nella direzione dell’applicazione della legge 328/2000 e del trasferimento delle funzioni dalla Regione ai Comuni che, dal prossimo primo gennaio, saranno gli enti che direttamente si occuperanno anche degli accreditamenti e dellautorizzazione delle strutture per i minori. La seconda delibera si riferisce allaccordo triennale tra Assessorato alla Scuola e lUfficio scolastico regionale che prevede la realizzazione, a partire da questo anno scolastico e per tre anni, di percorsi di Istruzione e Formazione Professionale triennali, in regime di sussidiarietà integrativa. È un importante atto che dà la possibilità  agli istituti professionali di offrire un sistema formativo orientato al lavoro per i giovani a partire già dal terzo anno. Questa qualificazione al terzo anno, inoltre, permette la riduzione dei livelli di dispersione scolastica e, quindi, il passaggio, da adolescente a rischio esclusione sociale, a giovane qualificato che può scegliere di continuare nella formazione o di entrare nel mondo del lavoro.

\n