Attualità

Rafforzato il dispositivo di vigilanza e sanitario nei centri che ospitano i migranti

Il fenomeno migratorio e i risvolti sanitari connessi all’emergenza coronavirus, sono stati al centro di una riunione svoltasi nella Prefettura di Catanzaro alla quale hanno partecipato il capo Dipartimento per le Libertà Civili e l’Immigrazione prefetto Michele di Bari, il presidente della Giunta regionale della Calabria Jole Santelli, ed i Prefetti della regione. Nel corso della riunione, la Santelli, riferisce una nota della Prefettura, ha evidenziato che “la problematica correlata al fenomeno degli sbarchi deve essere affrontata avendo riguardo ai risvolti sanitari connessi alla contingente emergenza epidemiologica, facendo presente che prioritariamente i migranti devono svolgere il periodo di sorveglianza sanitaria sulla nave”. Dopo una prima ricognizione delle strutture attualmente disponibili per lo svolgimento del periodo di quarantena dei migranti, di Bari ha comunicato che sono in corso le procedure di gara per il reperimento di unità navali da adibire all’esigenza. E’ stato convenuto che nei centri che ospitano i migranti al fine di svolgere il periodo di quarantena sia rafforzato il dispositivo di vigilanza e sanitario. Su questo punto, i Prefetti hanno assicurato la massima attenzione, confermando che si tratta di un’azione già seguita. I partecipanti, al termine della riunione, “hanno evidenziato che la delicatezza della tematica richiede una costante collaborazione tra i vari livelli di governo”.
(foto archivio wesud)