Cronaca

Protestano gli ex Lpu/Lsu della Calabria, in 500 occupano i binari di Lamezia Terme

Circa 500 precari ex Lsu-Lpu della Calabria guidati dai rappresentanti dei sindacati Cgil, Cisl e Uil hanno occupato i binari della stazione centrale di Lamezia Terme (Cz), principale snodo ferroviario della regione. La circolazione sulla dorsale tirrenica é pertanto interrotta. La mobilitazione é stata decisa questa mattina alla luce delle notizie che arrivano dalla commissione Bilancio della Camera, dove, in sede di discussione della manovra del governo nazionale, ieri non sarebbero stati accolti alcuni emendamenti finalizzati alla prosecuzione del percorso di stabilizzazione di questi lavoratori, che in Calabria sono circa 4.500.
Alla protesta nella stazione di Lamezia Terme – secondo quanto riferito dai sindacati – agli oltre 500 Lsu-Lpu presenti, se ne aggiungeranno altri nelle prossime ore. Presenti anche i segretari generali regionali della Cgil, Angelo Sposato, della Cisl, Tonino Russo, e della Uil, Santo Biondo, che hanno deciso di sospendere un attivo unitario convocato sulla vertenza proprio per sostenere la mobilitazione dei precari. I sindacati – hanno riferito Sposato, Russo e Biondo – aspettano risposte certe e positive da una nuova seduta odierna della Commissione Bilancio della Camera, preannunciando comunque una manifestazione per gli Lsu-Lpu calabresi il prossimo 14 dicembre a Roma. Il presidente della Regione, Mario Oliverio, ha raggiunto la stazione ferroviaria di Lamezia Terme (Cz), e ha interloquito con i manifestati ed i segretari generali di Cgi,Cisl e Uil Calabria che, successivamente sono stati convocati dal prefetto di Catanzaro, Francesca Ferrandino. La protesta, sospesa per circa 5 minuti, e’ ripresa con il rientro dei dimostranti, circa 500, sui binari. Sul posto, oltre al presidente della Regione, Mario Oliverio, che ha riferito di essere in contatto con il governo, c’e’ il parlamentare della Lega Domenico Furgiuele, che ha a sua volta attivato dei contatti con Roma. La vertenza riguarda oltre 4.500 persone impegnate nei lavori di pubblica utilità o socialmente utili in vari enti.