Cultura & Spettacolo

Progetto “Cultura dell’accoglienza e comunità inclusiva”: AAA cercasi giovani tra i 17 e 24 anni

Il progetto “CULTURA DELL’ACCOGLIENZA E COMUNITA’ INCLUSIVA”, attraverso la partnership tra AICS e Cittadinanzattiva, si pone l’obiettivo di diffondere presso le comunità locali coinvolte un modello di “accoglienza solidale” che, prevede l’attivazione di percorsi di cittadinanza inclusiva mediante attività artistiche e ricreative ed iniziative di promozione dell’attivismo civico, animate da giovani cittadini italiani e migranti.
Il modello di Accoglienza Solidale parte dal presupposto di considerare i migranti come cittadini che, abitando un territorio ed usufruendone delle risorse, possono contribuire alla gestione delle esigenze che la comunità accogliente esprime, divenendo quindi risorse della comunità.
I LABORATORI DI COMUNITA’ sono percorsi di promozione dell’inclusione attiva sul territorio attraverso l’attivismo civico, lo sport, l’arte e la cultura.
A Crotone, sarà attivato un percorso di “cittadinanza inclusiva”, finalizzato alla promozione dell’attivismo civico degli studenti e dei giovani migranti. Tale percorso prevede la costituzione di gruppi di lavoro misti, composti da studenti delle scuole interessate (scuole superiori) e giovani richiedenti asilo e/o titolari di protezione internazionale e umanitaria inseriti in strutture o progetti di accoglienza presenti nei territori coinvolti (CAS e/o SPRAR). Ogni gruppo lavorerà ad un censimento reciproco dei percorsi di vita, costruendo il curriculum di ciascun partecipante e dando vita ad una banca dati delle competenze, delle esperienze e conoscenze.
Gli stessi gruppi realizzeranno una ricerca/azione finalizzata alla definizione e selezione dei bisogni del contesto territoriale di riferimento, organizzando ed animando focus group, tavole rotonde, incontri con gli stakeholder delle comunità locali interessate.
Incrociando la banca dati e la mappatura dei bisogni, ciascun gruppo procederà alla progettazione di una o più iniziative (“start up dell’inclusione”) basate sullo scambio reciproco di saperi, di attività ed esperienze, capaci al contempo di rispondere ed esigenze espresse nel contesto sociale di riferimento.
I giovani coinvolti parteciperanno inoltre alla costruzione di una piattaforma on line, in cui confluiranno curricula raccolti, il percorso realizzato e le iniziative co-progettate, quale luogo permanente di condivisione di relazioni e contatti e di attivazione di ulteriori sinergie, reti ed iniziative.
Tale strumento sarà messo a disposizione delle comunità coinvolte, delle realtà associative locali e delle amministrazioni comunali, che potranno continuare ad animarlo ed ad usufruirne nel tempo.
Per adesioni al progetto e maggiori informazioni sui laboratori chiamare al 3208022930 o contattare direttamente la redazione WESUD