AUTONOVANTA STRISCIA
PULIVERDE
METAL CARPENTERIA

Politiche attive del lavoro: Pubblicate le graduatorie per i percettori di ammortizzatori sociali in deroga,

Pubblicato il 26 aprile 2017 alle 19:26

Sono state pubblicate, sul sito della Regione Calabria, Dipartimento lavoro, le graduatorie del bando sulle politiche attive del lavoro a beneficio dei percettori di ammortizzatori sociali in deroga, in seguito – informa l’ufficio stampa della Giunta – all’accordo sindacale del 7 dicembre 2016. Le graduatorie individuano i soggetti pubblici e privati che ospiteranno 6.036 degli ex percettori di ammortizzatori sociali in deroga non ammissibili alle politiche passive del 2015. Entrando nello specifico del bando, l’assessore regionale al lavoro Federica Roccisano ha afferamto che “complessivamente, grazie al percorso sinergico avviato con i sindacati e fortemente voluto dal presidente della Regione Mario Oliverio, sara’ possibile attivare oltre 6 mila persone. Nei prossimi 60 giorni – ha aggiunto – enti pubblici e privati potranno avviare le modalita’ di selezione previste o utilizzare gli elenchi degli aventi diritto presi dai Centri per l’impiego. E’ stata una procedura innovativa e premiale che ha visto il coinvolgimento del settore pubblico come anche del privato, che ha risposto positivamente accedendo all’opportunita’ fornita dalla Regione. Ora – ha detto infine la Roccisano – la volonta’ e’ quella di avviare i percorsi di politiche attive nel piu’ breve tempo possibile, dare seguito alle progettualita’ presentate dagli enti, nonche’ fornire liquidita’ ai beneficiari”. In particolare sono 335 gli enti pubblici ammessi a finanziamento che ospiteranno 5.583 lavoratori ai quali si aggiungeranno presto gli ulteriori 50 enti pubblici ammessi a finanziamento ma in attesa di aumento finanziario del fondo. Sono invece 289 le imprese private che ospiteranno 453 ex percettori.

Manica Gioielli

wesud è aperto alla condivisione di materiale e di idee, la responsabilità civile e penale di manoscritti e immagini ricevute è da imputare esclusivamente agli autori. La redazione, pertanto, non è da considerarsi necessariamente in linea con gli stessi.

Redazione