Cronaca

VIDEO | Parrucchieri in piazza a Crotone: ” Fateci riaprire, ridateci la nostra quotidianità”

“Ridateci la nostra quotidianità, consentiteci di tornare a lavorare”. E’ una delle tanti frasi pronunciate, questa mattina, da parrucchieri ed estetisti di Crotone nel corso di una manifestazione pacifica in piazza della Resistenza.

Un comparto, quello del benessere che in Calabria conta quasi 12.000 imprese che senza incassi e senza sostegni economici attraversano vivono una crisi profonda.

Da tre mesi inattivi, la categoria paga un prezzo altissimo anche a causa del boom degli abusivi che provocano ulteriori danni ad un settore già fortemente penalizzato.

Pronti a consegnare le chiavi e a lasciare pettine e spazzola, così come hanno dimostrato attraverso un gesto simbolico.

Tanta amarezza, legata anche al mancato arrivo della Cassa integrazione per i propri dipendenti, situazione che provoca disagio in numerose famiglie che non riescono più ad andare avanti.

“Sappiamo come agire in sicurezza, lo abbiamo sempre fatto perché alla base del nostro lavoro c’è la tutela del cliente” hanno sottolineato tutti ribadendo l’esigenza di tornare al lavoro al più presto.

Sulla base dei dati diffusi da ConfArtigianato nel settore acconciatura ed estetica si stima una perdita economica nell’arco dei tre mesi di marzo, aprile e maggio pari a 1.078 milioni di euro (31 milioni in Calabria), pari al 18,1% del fatturato annuo, con potenziali pesanti ripercussioni sull’occupazione: i mancati ricavi, infatti, mettono a rischio il lavoro di 49 mila addetti del settore.