Attualità

Parchi e aeroporti la scommessa della Regione Calabria

A Ttg Incontri la Regione Calabria ha presentato, anche attraverso i 65 sellers presenti allo stand, la proposta per la stagione turistica 2018: al centro, parchi sistemi aeroportuali del territorio.

Se la prima tematica è frutto della politica di diversificazione dell’offerta con il lancio di itinerari naturalistici e tour all’insegna del trekking nelle montagne calabresi, il secondo punto forte della programmazione del prossimo anno è basato sul consolidamento del traffico aereo attraverso i tre scali regionali: l’aeroporto di Lamezia Terme, che già vanta un volo intercontinentale stagionale dalle Americhe e punta ad avere un collegamento con l’Asia, quello di Reggio Calabria, che oltre ai voli da Roma e Milano mira a rilanciare la combinazione aereo-aliscafo su Messina e isole Eolie, e infine Crotone che intende sviluppare un traffico charter con le maggiori direttrici europee.
E’ quanto riporta il giornale online “L’Agenzia di viaggi magazine”

«Diamo grande importanza al capitale naturale del nostro territorio – commenta Mario Oliverio, presidente della Regione Calabria – Lo consideriamo anzi come il principale veicolo di traino dell’offerta turistica. Parchi, oasi e riserve sono al centro del nostro programma di Governo, che stiamo portando avanti e sviluppando anche con il contributo di tutti gli attori del mondo istituzionale, delle associazioni e dei privati. Tutto ciò lo stiamo abbinando all’offerta enogastronomica, che sta conoscendo in questi ultimi tempi un’ulteriore crescita e riconoscibilità dentro e fuori i nostri confini regionali».

A Rimini, inoltre, la Calabria si è classificata in prima posizione – premiata per avere la migliore fidelizzazione – alla seconda edizione del Premio Italia Destinazione Digitale, che ha assegnato gli Oscar del Turismo 2017 alle regioni italiane con la più elevata reputazione digitale.