Cronaca

Operazione “Six Town”: Nel processo con rito abbreviato ergastolo per Agostino Marrazzo

Condannato all’ergastolo Agostino Marrazzo, ritenuto dagli investigatori l’epicentro dell’attività del “Locale di Belvedere Spinello” che controllava il territorio a cavallo tra le province di Cosenza e Crotone è stato condannato all’ergastolo
È quanto stabilito dal Tribunale di Catanzaro, al termine del processo, per rito abbreviato, a carico di 29 imputati, scaturito all’operazione “Six Towns”.
L’inchiesta, condotta nell’ottobre del 2016 da carabinieri e polizia coordinati dalla Dda di Catanzaro, ha decapitato il “Locale di Belvedere Spinello” che controllava il territorio a cavallo tra le province di Cosenza e Crotone.
Le indagini hanno fatto luce su 6 omicidi e un tentato omicidio.
Agli indagati, divenuti 48 una volta concluse le indagini, gli inquirenti hanno contestato, a vario titolo i reati di omicidio, traffico e spaccio di sostanze stupefacenti, estorsioni, favoreggiamento in favore di latitanti, ricettazione, violazioni in materia di armi.
Queste le condanne:
Domenico Bitonti                    1 anno e 4 mesi
Luigi Bitonti                             2 anni e 4 mesi
Saverio Bitonti                        11 anni e sei mesi
Antonio Balconà                          8 anni e 10 mesi
Ignazio Bozzaotra                         1 anno e 4 mesi
Valentino De Francesco               2 anni
Saverio Gallo                                   9 anni
Antonio Guzzo                                 6 anni e 8 mesi
Fabio Lopez                                      6 anni e 8 mesi
Giovanna Madia                              9 anni e 2 mesi
Giovanni Marrazzo                        10 anni
Sabatino Domenico Marrazzo      8 anni
Francesco Oliverio                       18 anni e 6 mesi
Francesco Rocca                            10 anni
Giovanni Spadafora                      10 anni e 4 mesi
Vittorio Spadafora                    3 anni ed 8 mesi
Ilario Spina Iaconis                        6 anni e 8 mesi
Pasquale Torromino                       7 anni

Sono stati invece assolti:
Giovanni Di Certo,
Davide Iannice,
Vincenzo Oliverio,
Antonio Parise,
Rosario Parise,
Mario Rizza,
Antonio Serra