Cronaca

Omicidio Antonella Lettieri: Si cercano le armi con il metal detector, previsto l’arrivo dei cani molecolari

I Carabinieri del Comando Provinciale di Crotone, agli ordini del Colonnello Salvatore Gagliano, sono attivamente impegnati nei vigneti di Cirò Marina alla ricerca delle armi con cui Salvatore Fuscaldo ha massacrato, la sera dell’8 marzo, Antonella Lettieri.
Dal giorno della sua confessione, avvenuta venerdì 21 aprile nel carcere di Castrovillari (CS), i militari stanno setacciando l’intero territorio.
In queste ore, dopo aver delimitato la zona del vigneto dove lavorava Salvatore Fuscaldo i carabinieri stanno effettuando ricerche particolareggiate attraverso l’utilizzo dei metal detector, non si esclude l’arrivo nel pomeriggio dei cani molecolari.
Da quanto si apprende sino ad ora le ricerche non hanno ancora dato alcun esito.
Nella sua confessione Salvatore Fuscaldo ha sostenuto di aver sotterrato le armi e di aver bruciato una tuta e un paio di guanti indossati durante l’omicidio.
I militari indagano inoltre per chiarire il movente dell’omicidio.
Il bracciante agricolo sostiene di aver agito dopo un litigio con la donna che minacciava di rendere nota la loro relazione, tesi che non convince gli inquirenti.
Troppe sono le lacune che emergono dal racconto che l’uomo ha fatto nel corso della sua confessione.