Cronaca

Nuove osservazioni della Corte dei Conti al Comune di Crotone, venti giorni per dare risposte

Sono 15 gli interrogativi che la Corte dei Conti pone all’Amministrazione Comunale di Crotone sulle azioni adottate in relazione ai rilievi fatti attraverso la deliberazione 138 del 2018 con cui la magistratura contabile ha bloccato le spese non obbligatorie dell’ente pitagorico.

È quanto emerge dalla richiesta inviata lo scorso 9 settembre composta da ben 21 pagine in cui chiede chiarimenti sulle partecipate (Akrea, Congesi e Crotone Sviluppo), accantonamenti fondo rischi, spese inerenti i rifiuti e i rapporti con la Regione Calabria.

Nel formulare la richiesta il magistrato istruttore, Stefania Anna Dorigo, invita a rispondere “alla presente nota entro e non oltre 20 giorni alla sua ricezione”.
Infine, si coglie l’occasione per rappresentare la necessità che l’Ente
risponda, nel più breve tempo possibile, alle precedenti note istruttorie di questa
Sezione, inviate, a partire da aprile 2O19, a mezzo PEC e regolarmente ricevute
dall’Ente; tali note, ad oggi, sono rimaste inevase (così come rappresentato dai
magistrati di questa Sezione al Sindaco dell’Ente, nel corso dell’incontro tenutosi presso i locali della sezione medesima, in data 3 settembre, al termine della quale è stata consegnata a quest’ultimo, copia delle note rimaste inevase e delle ricevute comprovanti l’avvenuta consegna delle stesse”.