Politica

Nasce “Liberi per Crotone” , un’area civica e sociale in vista delle amministrative

Si chiama “Liberi per Crotone” ed è una coalizione larga, senza steccati ideologici. Una formazione composta da uomini e donne impegnate nel sociale, da tantissimo tempo, che hanno deciso di costituire un’area civica e sociale in vista delle amministrative.
“La situazione straordinaria è molto difficile, i partiti politici e gli schieramenti classici – sostiene Filippo Sestito, portavoce della coalizione – non sono nelle condizioni di affrontare una prossima campagna elettorale e governare questa città nel miglior modo possibile. L’obiettivo è puntare a un buon governo che possa puntare a risollevare la città dalla situazione nella quale si trova.
All’incontro, molto partecipato, svoltosi presso il Dopolavoro Ferroviario, hanno preso parte, tra gli altri, alcuni esponenti del PD che non approvano l’apertura ai Demokratici di Enzo Sculco e il candidato a sindaco del M5S Andrea Correggia. Una presenza che trova origine nel dialogo avviato in città con quanti hanno a cuore la soluzione dei problemi esistenti. Inoltre, si sta dialogando con un’area che fa capo alle attività produttive e le organizzazioni di categoria che stanno provando a costruire un’area, ovviamente sganciata dalle organizzazioni di rappresentanza, che intende affrontare temi fondamentali per Crotone come:lo sviluppo economico, legato ai problemi che ruotano intorno al mondo dell’impresa, delle attività commerciali e delle infrastrutture. Tra gli intenti anche la volontà di ragionare con aree moderate, e moderata cattolica che porti alla costruzione di progetti che siano in grado di dare risposte concrete ai bisogni. Per Sestito, “la situazione sociale da settembre in poi sarà devastante, ed è quindi necessario fare fronte comune e costruire un’azione sinergica tra diversi mondi, che si parlano ma che non si sono ancora mai parlati in termini elettorali e delle amministrative. Forze che è necessario mettere insieme, unitariamente, in questa fase”. Per quanto concerne il candidato a sindaco, Liberi per Crotone mira a costruire meccanismi di partecipazione reale e non fittizi. Il candidato a sindaco ha inoltre sottolineato Sestito – sarà scelto in base al perimetro della coalizione che riusciremo a mettere in campo”. Quella relativa al candidato è una discussione che al momento non è all’ordine del giorno perché ovviamente – dice ancora Sestito “non sappiamo quali saranno le aree civiche, le liste civiche, le organizzazioni politiche che vorranno insieme a noi costruire questa coalizione”.