Politica

Massimo Tambaro (FI) denuncia: “intorno alla scelta di Occhiuto nessuna discussione sul territorio crotonese”

“La provincia di Crotone non è il porta acqua di nessuno.
Apprendiamo l’ufficialità della candidatura di Mario Occhiuto , decisa dal coordinamento regionale di FI solo dalla stampa , senza nessuna discussione all’interno del partito o per mezzo di quello che rimane dei nostri coordinatori Provinciali , preposti a interfacciarsi con i territori”.
È quanto sostiene Massimo Tambaro, consigliere comunale e già coordinatore di FI nel comune di Cutro (KR), in un post sulla sua pagina Facebook.
“Senza nulla togliere al sindaco di Cosenza Mario Occhiuto, persona a noi gradita , – prosegue Tambaro – come lo stesso Aiello o chi alla fine sarà indicato o meglio si spera condiviso dal partito come candidato alla Presidenza Della Regione Calabria , ma sulle modalità che si stanno continuando ad utilizzare per le scelte in questo partito , ho diverse perplessità e disappunti.
Gente di partito e gruppi di lavoro fedeli negli anni , sono considerati forse un patrimonio da utilizzare a piacimento del coordinamento regionale , senza alcun rispetto e senza alcuna condivisione .
Preciso – conclude Massimo Tambaro – che la linea tracciata con queste modalità produce effetti negativi e sopratutto malessere tra le file azzurre, mancando sopratutto di rispetto ai nostri sostenitori che non si vedono più legittimati della facoltà di scegliere i propri rappresentanti politici che invece vengono calati dall’alto.
INTANTO QUESTO MALESSERE nella provincia di Crotone come nelle altre si registra come un dato allarmante , tant’è che da qui a breve si costituirà un nuovo gruppo politico aperto e moderato , forte in tutti i comuni e aperto al dialogo con gli altri amici moderati Calabresi”.