Politica

Margherita Corrado (M5S): grazie al Mibac per l’attenzione riservata alla fascia ionica tra Sybaris e Kroton

Riceviamo e pubblichiamo

Mi piace condividere con la popolazione e la comunità scientifica i segnali di attenzione alla fascia ionica cosentina tra Sybaris e Kroton che vengono dal Ministero Beni Culturali. Ieri, da ultimo, in risposta alla mia richiesta del 10 aprile di sottoporre a vincolo sei siti archeologici con vestigia di età greca e romana ubicati nei comuni di Cariati, Caloveto, Crosìa, Pietrapaola e Rossano, il Servizio II della Direzione Generale Archeologia Belle Arti e Paesaggio ha indirizzato una nota alla Soprintendenza per le province di Cosenza, Catanzaro e Crotone per ottenere gli elementi informativi ivi disponibili ai fini della valutazione dell’opportunità di procedere ad azioni di tutela. Sulla scorta delle schede puntuali da me allegate alla richiesta suddetta, inoltre, la citata Direzione ha chiesto anche conto espressamente al Soprintendente delle ragioni dell’interruzione dei procedimenti di vincolo già avviati per due ville romane presenti in elenco. Non posso che plaudire al tempestivo e accorto intervento del Ministero, poiché la tutela delle aree archeologiche non ancora vincolate site lungo la fascia ionica calabrese è condizione necessaria per avviare qualsiasi percorso virtuoso in direzione della loro valorizzazione, percorso che deve necessariamente coinvolgere le comunità locali partendo dalla presa di coscienza dell’esistenza e del rispetto dovuto alle testimonianze materiali della storia del territorio in quanto fonti di conoscenza ben prima che come potenziali fonti di qualsivoglia ricaduta economica.