Cronaca

L’attività crocieristica 2020 nel porto di Crotone porterà in città 29 mila croceristi

Presentato, questa mattina, nel corso di una conferenza stampa il calendario delle navi da crociera che nel 2020 giungeranno in porto a Crotone.
Core business di Alfa21, cura le attività di accoglienza di oltre 50 scali.
In questi ultimi anni, il sistema crocieristico ha assunto un’importanza sostanziale, non solo all’interno del settore di interesse, ma anche nell’economia territoriale.
Nel corso dell’anno è previsto un forte aumento del traffico crocieristico, grazie a 24
scali con a bordo 29.000 passeggeri di provenienza straniera.
Un risultato soddisfacente che premia la continuità degli sforzi profusi dal 2008, quando
giunse la prima nave con a bordo 100 crocieristi, suscitando l’interesse e la curiosità di
una città che non aveva fino ad allora visto queste imponenti imbarcazioni.
Nel periodo 2008-2019 si sono registrati complessivamente 73 arrivi che hanno portato
nello scalo pitagorico 43.000 passeggeri, con una media di circa dieci attracchi annuali
nell’ultimo triennio.
L’aumento dell’anno in corso avviene grazie anzitutto alla compagnia tedesca AIDA, che
con la sua AIDA Mira farà scalo per dodici volte. Viking Cruises conferma la sua presenza
con cinque toccate, mentre per la prima volta giungerà Regent Seven Seas,
probabilmente la compagnia di più alto livello nel panorama mondiale.
Il calendario, redatto sulla base delle prenotazioni in essere, è disponibile nel sito
www.alfa21.it, sarà costantemente aggiornato in funzione degli scostamenti che si
registreranno nel corso dell’anno. In due occasioni due navi saranno contemporaneamente in porto, con 2.700 passeggeri per volta. Una di queste, il 16 maggio, coincide con i festeggiamenti mariani in città.
Oltre 300 sono i gruppi previsti in partenza dalla banchina di attracco, con escursioni in
tre province: Crotone, Cosenza, Catanzaro. Toccando ben 11 diverse località di interesse
culturale, visitando quattro cantine, l’area marina protetta, due parchi archeologici.
Nel corso degli scali gran parte del patrimonio turistico locale sarà attivato. Anche la
spiaggia cittadina sarà frequentata, in particolare negli arrivi tra maggio e ottobre,
dunque per la prima volta un lido balneare sarà operativo in un periodo così ampio,
facendo un primo passo verso la destagionalizzazione dei servizi.
Nell’area marina protetta di Capo Rizzuto, i crocieristi avranno inoltre la possibilità di
effettuare escursioni in battello e visite guidate in apnea.
Proseguirà la collaborazione con il Liceo G.V. Gravina di Crotone per l’attuazione di
Percorsi per le Competenze Trasversali e per l’Orientamento, grazie ai quali gli studenti
potranno fornire supporto in lingua straniera ai passeggeri che giungeranno in centro
città. Un servizio di accoglienza particolarmente gradito finora e che ha consentito ai
ragazzi di misurarsi nell’ambito delle professioni turistiche, così da stimolare l’interesse
per un settore che nel nostro territorio ha una forte carenza di personale in grado di fornire assistenza in lingue estere.
La numerosità degli attracchi, concentrati tra aprile e ottobre, sarà un impegnativo banco
di prova per il territorio che dovrà dimostrarsi preparato all’accoglienza di questi flussi.
Risulta pertanto strategico il ruolo degli attori locali, per tutta una serie di fattori che
attengono alla sicurezza, all’accesso dei siti di interesse culturale, viabilità, decoro
urbano, assistenza informativa, coinvolgimento delle attività produttive, ecc.
Il 2020 sarà dunque una sfida da vincere insieme.
Alla conferenza tenuta da Gregorio Mungari Cotruzzolà e Milo Mungari della società Alfa 21 ha partecipato il Comandante della Capitaneria di Porto di Crotone C.V. (CP) Giovanni Greco.
Hanno, inoltre, preso parte alla presentazione del calendario croceristico il Vice Prefetto Vicario di Crotone Sergio Mazzia, il Sindaco di Isola Capo Rizzuto Mariagrazia Vittimberga, il Sindaco di Cirò Francesco Paletta, il Direttore del Museo Archeologico Nazionale di Crotone Gregorio Aversa e numerosi operatori locali che saranno coinvolti nelle fasi di accoglienza turistica.