Attualità

La vertenza Abramo Customer Care al centro dell’incontro tra i vertici della UIL KR e l’on. Barbuto (M5S)

Riceviamo e pubblichiamo

Il Segretario Generale UIL-KR Fabio Tomaino, ha promosso un’incontro, svoltosi questa mattina, tra una delegazione sindacale unitaria e il deputato On. Elisabetta Barbuto , al fine di porre maggiore attenzione sulle difficoltà che stanno vivendo i lavoratori della Abramo C. C. a Crotone ed in Calabria.
Dopo un’ampia discussione sulle cause di questa crisi, che sta comportando una costante perdita dei posti di lavoro, si è rappresentato alla Deputata una serie di possibili soluzioni tecniche e politiche utili alla conferma dei livelli occupazionali oggi presenti. Al tal proposito il tavolo si è determinato nel concentrare le proprie iniziative su due precisi obiettivi.
Il primo riguarda le dinamiche interne all’Azienda che, a nostro avviso, può meglio distribuire l’attività lavorativa al fine di ridurre il disagio economico ai tanti dipendenti che vedono decurtato il proprio stipendio per via dell’utilizzo di strumenti previsti nelle aziende in crisi, quali ad esempio l’applicazione del FIS.
Il secondo ed altrettanto importante obiettivo, è quello di far assumere, nell’immediato, una dimensione nazionale della crisi Abramo, al pari di altre meno significative in termini numerici.
Ad oggi, infatti, hanno già perso il lavoro 1.100 persone e si prospetta la concreta ipotesi, preannunziata dall’Azienda, che con la prevista riduzione dei volumi di TIM vi sarà una ulteriore riduzione della forza lavoro a tempo indeterminato che riguarderà centinaia di lavoratori.
Attraverso il fattivo coinvolgimento dell’On. Barbuto, che oltre ad aver condiviso il merito delle questioni poste, si è dichiarata pienamente disponibile a sostenere tale vertenza, i convenuti si sono determinati nel voler sollecitare al Ministero dello Sviluppo Economico la realizzazione dell’incontro già richiesto nel mese di marzo, riguardante l’apertura di un tavolo di crisi che metta intorno ad esso le rappresentanze dell’azienda Abramo, della TIM e dei Lavoratori e se possibile far coincidere tale discussione nell’ambito della seduta che si terrà, presso lo stesso MISE il 19 luglio c.a., dove si affronteranno le problematiche dell’azienda Almaviva.
La delegazione Sindacale si è dichiarata convinta che solo attraverso un’azione sinergica e coordinata si possa raggiungere l’obiettivo del mantenimento dei livelli occupazionali e non solo. Infatti, l’apertura di un tavolo nazionale darebbe l’opportunità di chiedere il rispetto delle clausole sociali, l’applicazione delle tabelle ministeriali e l’internalizzazione delle attività customer, aspetti che se risolti potrebbero costruire un percorso di crescita che darebbe, finalmente, risposte in termini di lavoro stabile, ai tanti ex lavoratori che dopo decenni di attività in Abramo si trovano ad oggi disoccupati.
Su queste questioni la UIL e la UIL COM continueranno ad essere impegnati, con la forte convinzione che se saremo in grado di far convergere, su questa visione, tutte le forze politiche, sociali e sindacali dimostreremo, almeno in questo caso, di essere uniti e di avere realmente a cuore le sorti della nostra già troppo martoriata Calabria.

Segretario Generale UIL Crotone – Fabio Tomaino
Segretario Generale UIL COM Calabria – Fabio Guerriero