GERARDO SACCO STRISCIA
METAL CARPENTERIA
PULIVERDE

In Calabria va in scena Billy Elliot, nel cast l’attrice crotonese Giorgia Arena

Pubblicato il 21 aprile 2017 alle 11:37

Billy Eliot, un vero e proprio successo e non poteva essere diversamente per il musical basato sull’omonimo film di Stephen Daldry del 2000.
Leggero come una piuma e luminoso come un diamante, deciso a spiccare il volo verso il suo sogno straordinario. Dopo la due giorni  al Teatro Politeama di Catanzaro lo spettacolo si sposta a Cosenza, il 22 e 23 aprile.
Un musical imperdibile,vero e proprio concentrato di tenacia, sorrisi e lacrime “Billy Elliot il Musical”,  diretto e adattato in italiano da Massimo Romeo Piparo. Prodotto dalla PeepArrow Entertainment e da Il Sistina, dopo l’enorme successo di pubblico e critica delle precedenti stagioni, il musical é ritornato in scena con un cast rinnovato: il volto del celebre ballerino, che nell’austera e bigotta Inghilterra della Thatcher non vuole rinunciare alla danza, e’ quello del giovanissimo siciliano Arcangelo Ciulla, gia’ nel cast dello scorso anno. Con lui nello spettacolo anche altri due giovanissimi talenti, Matteo Valentini nel ruolo di Michael, l’amico di Billy, e Filippo Arlenghi in quello di Kevin, entrambi formati dall’Accademia del Teatro Sistina diretta da Piparo.
Ancora una volta per i cultori della danza, abituali frequentatori del Politeama il privilegio di assistere ad un musical dal respiro internazionale, che vanta le musiche pluripremiate composte da Elton John e un cast di incredibili talenti italiani: Luca Biagini nel ruolo del padre Jackie Elliot; Sabrina Marciano in quello di Mrs. Wilkinson (la maestra di danza che scopre il grande talento di Billy); Cristina Noci nel ruolo della nonna, Donato Altomare ed Elisabetta Tulli, il fratello Tony e la mamma di Billy. Nel cast anche 30 straordinari performer coreografati da Roberto Croce. La direzione musicale e’ del Maestro Emanuele Friello, le scene sono di Teresa Caruso, i costumi di Cecilia Betona, l’impianto luci di Umile Vanieri.
Un musical che parla anche crotonese perché tra gli attori ballerini spicca la vulcanica e bravissima Giorgia Arena. Nel Novembre 2012 l’ esordio in teatro con “Biancaneve il musical” regia di Enrico Botta nel ruolo di “Castagna”. Nel 2013/2014 è in scena con” America il Musical”regia di Simone Sibillano nel ruolo di”Rosa Fiore”. Sempre nel 2013 collabora con “La Melevisione ” su -RAIyoyo- nel ruolo di ” Fiammetta “. Contemporaneamente frequenta una masterclass biennale per professionisti di canto e recitazione diretta da Lena Biolcati  e ha preso parte ottenendo un grande successo nel musical Peter Pan, al fianco di un’altra crotonese Martha Rossi. Adesso è nel cast di Billy Elliot il musical e si sente elettrizzata all’idea di far parte di questo straordinario spettacolo firmato Massimo Romeo Piparo.
Inoltre come Billy Elliot è nata per la danza, lo sanno bene alla SAD scuola di danza di Crotone dove Giorgia ha mosso i suoi primi passi.
“Io non ho bisogno della mia adolescenza. Ho bisogno di ballare!”: é già racchiusa in questa frase la potenza dell’appassionante storia di Billy, il ragazzo che per amore della danza sfida anche l’ottusita’ di un padre e un fratello che vorrebbero diventasse pugile. A far da sfondo alla sua avventura, che ha nutrito sogni e speranze di intere generazioni di talenti, l’Inghilterra delle miniere che chiudono e dei lavoratori in rivolta, ma anche il mondo della danza, fatto di poesia e di faticose ore di prove. Come in ogni grande storia, ad accendere le emozioni ci pensano grandi valori come l’amore, la determinazione, la voglia di farcela, ma anche l’amicizia tra adolescenti, che riesce a far superare ogni discriminazione di orientamento sessuale. “Billy Elliot The Musical” ha debuttato nel West End (Victoria Palace Theatre, Londra) nel 2005 ed e’ stato nominato per nove Laurence Olivier Awards – il massimo riconoscimento europeo per i Musical – vincendone ben quattro.

GOLD AND GOLD fascione

wesud è aperto alla condivisione di materiale e di idee, la responsabilità civile e penale di manoscritti e immagini ricevute è da imputare esclusivamente agli autori. La redazione, pertanto, non è da considerarsi necessariamente in linea con gli stessi.

Redazione WeSud