Cronaca

Il SIULP inoltra un esposto alla Procura della Repubblica sulla sicurezza sul lavoro alla Questura di Crotone

Riceviamo e pubblichiamo

“La Segreteria Provinciale del S.I.U.L.P. (Sindacato Italiano Unitario Lavoratori di Polizia) di Crotone ha inoltrato un esposto alla Procura della Repubblica con il quale ha chiesto la verifica di eventuali condotte omissive o negligenti in ordine alla gestione della delicata tematica della sicurezza sui posti di lavoro ed, in particolare, dei locali che ospitano la Questura ove prestano servizio centinaia di dipendenti.
La vicenda prende le mosse a seguito dell’accesso da parte del Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza che aveva rilevato una serie di incongruenze ed il mancato adempimento del protocollo prescritto dal D.Lgs. 81/2008.
A distanza di poco tempo, il RLS aveva eseguito un nuovo accesso al fine di verificare se, nel frattempo, si era dato luogo agli adempimenti previsti e segnalati rilevando, invece, che nulla era stato fatto.
Per tale ragione il SIULP di Crotone aveva rappresentato la situazione in essere alla Segreteria Nazionale che con diverse missive aveva sollecitato un’attività ispettiva al fine di verificare la fondatezza di quanto asserito senza, tuttavia, avere adeguato riscontro.
In assenza di risposte da parte dell’Amministrazione e considerata l’estrema sufficienza con la quale il Questore di Crotone dr. Massimo Gambino ha ritenuto affrontare la delicata questione, la Segreteria Provinciale del SIULP di Crotone aveva interrotto i rapporti sindacali e, pur tuttavia a seguito dell’emergenza Covid con grande senso di responsabilità aveva segnato il passo in attesa di una inversione di tendenza da parte del Questore.
A distanza di circa cinque mesi nulla sembra cambiare, ragion per cui il Segretario Provinciale Generale del Siulp di Crotone, Claudio Giammarino, a mezzo del proprio legale Avv. Giuseppe Trocino del foro di Crotone ha depositato presso la Sezione di P.G. della G. di F. un esposto alla
Procura della Repubblica chiedendo che vengano verificati i fatti ed eventuali condotte omissive al fine di evitare una irragionevole esposizione al rischio dei lavoratori”.

SIULP CROTONE