Attualità

Il SAP si conferma il primo sindacato di Polizia della provincia di Crotone

E’ stata recentemente divulgata dal Ministero dell’Interno la tanto attesa rilevazione della consistenza associativa delle organizzazioni sindacali di Polizia su base provinciale, certificando che la nostra organizzazione sindacale –SAP – è la prima in assoluto nella provincia di Crotone con 172 iscritti su un totale di 380 appartenenti alla Polizia di Stato. Lo rende noto il segretario provinciale aggiunto Giuseppe Veltri.

Nel comunicato Veltri sottolinea che il primato associativo è il quinto consecutivo dal 2013 con un trend di crescita che vede il SAP (ovviamente in percentuale) tra le prime segreterie provinciali d’Italia

Stabile è anche la posizione nazionale che colloca il SAP in un secondo posto di assoluto rilievo con 17.318 iscritti.

Il ringraziamento di tutta la segreteria provinciale – scrive Veltri – è nei confronti dei colleghi e colleghe che hanno visto nel SAP un modello organizzativo sindacale che esprime le migliori idee e che supporta i propri iscritti nelle difficoltà operative quotidiane della Questura, Polstrada, Polfer, e Polizia Postale.
Con l’attuale primato della consistenza associativa sindacale i nostri iscritti ci spronano a migliorarci soprattutto nelle relazioni sindacali con la controparte Amministrazione chiedendo, soprattutto, di sostenere un’azione di credibile cambiamento nella nostra realtà territoriale, senza accordi di bassa lega, fieri di poter essere protagonisti, tutti insieme, delle nostre idee.

“Con il soddisfacente risultato odierno – conclude il segretario provinciale aggiunto Giuseppe Veltri – si consolidano gli sforzi ed i sacrifici del gruppo dirigente del sindacato SAP, dai vice segretari provinciali ai tanti segretari di base delle articolazioni interne e delle specialità, ai quali, ancora una volta, va il mio sentito ringraziamento per la loro onestà intellettuale e non comune impegno professionale, con il fine ultimo di migliorare quotidianamente il proprio segmento lavorativo con contenuti di innovazione culturale”.