Cultura & Spettacolo

Il futuro dei giovani a Crotone inizia con Virtual Agorà

Entusiasmo e soprattutto positività, sono gli elementi che hanno caratterizzato la presentazione del tour virtuale dedicato a Pitagora, svoltosi nella giornata del 25 aprile, presso il Museo di Pitagora.
Un progetto, nato, sui banchi del Liceo Scientifico Filolao, dall’intraprendenza di tre ventenni: Ludovica Arconte, Giulia Pugliese e Nicoll Tallarico, che ha portato le tre ragazze alla costituzione dell’Associazione di promozione sociale “Virtual Agorà” e alla realizzazione del tour virtuale “Pitagora VR: il corpo e l’anima”.
È stata una giornata ricca di emozioni. Una giornata in cui tanti giovani, famiglie, associazioni, imprenditori ed istituzioni si sono strette attorno alle tre giovani donne crotonesi che con la loro tenacia e la loro determinazione hanno dimostrato che i sogni possono diventare realtà.
Al centro dell’iniziativa di Ludovica Arconte, Giulia Pugliese e Nicoll Tallarico il Museo di Pitagora, bene comune da valorizzare, attraverso la creatività dei giovani e con una prospettiva comunitaria.
Un’idea nata grazie al progetto regionale “Giovani e Futuro Comune”, un progetto che crede nei giovani e nel valore che possono dare al territorio con il potere delle loro idee, facendo impresa con i beni comuni, affrontando un viaggio in 4 tappe per elaborare un’idea di business, strutturarla, consolidarla e alla fine realizzarla.
Un progetto, visto il risultato, che ha trovato in Ludovica, Giulia e Nicoll tre interpreti eccellenti.
Il compito di aprire i lavori è toccato a Giulia Pugliese, digital manager dell’associazione, che ha presentato Virtual Agorà ed introdotto il tema dell’iniziativa. Subito dopo Ludovica Arconte, presidente dell’associazione, ha ripercorso le tappe fondamentali del progetto attraverso le parole chiave che lo hanno caratterizzato: intraprendenza, intuizione, esperienza, famiglia. Ha descritto il modo in cui è nata l’idea di valorizzare la figura di Pitagora utilizzando le nuove tecnologie ed ha sottolineato lo straordinario valore formativo del progetto. Con lo sguardo sempre rivolto alla comunità ed ai giovani, ha rimarcato l’obiettivo di procedere uniti per costruire un futuro migliore. Ha poi voluto ringraziare Paolo Guerriera e Maria Cirillo dell’associazione Arci “Gli spalatori di nuvole” che hanno curato la prima fase del progetto nella provincia di Crotone, oltre all’associazione Goodwill ed al liceo scientifico “Filolao” di Crotone.
Francesca Gargiulo, Vicepresidente dell’associazione Goodwill, che ha organizzato il progetto “Giovani e Futuro Comune” con il sostegno di Fondazione Vodafone e Fondazione con il Sud, ha ringraziato le giovani protagoniste per come hanno interpretato lo spirito del progetto ed ha sottolineato l’importanza dell’esperienza di Virtual Agorà che rappresenta il “bene comune” che la comunità deve tutelare e supportare. Valentina Galdieri, Assessore alla cultura del Comune di Crotone, ha confermato il pieno supporto dell’Amministrazione comunale a questa iniziativa, condividendone le finalità di sviluppo sociale che si inseriscono in un complessivo processo di valorizzazione dell’identità storica e culturale della città. Santo Vazzano, presidente del Consorzio Jobel – ente gestore del Museo e dei Giardini di Pitagora – ha ribadito l’importanza del lavoro in rete e del protagonismo giovanile quali elementi fondamentali per un reale percorso di crescita della comunità basato sulla fiducia nel futuro e nelle capacità dei nostri giovani, rendendosi disponibile a fornire tutto il supporto necessario affinché questa iniziativa possa proseguire nel modo più efficace. Francesco De Marco, esperto di patrimonio culturale che ha curato i contenuti del tour virtuale, ha evidenziato l’importanza di costruire il futuro attraverso le memorie del passato che le nuove tecnologie rendono accessibili a tutti, con un lavoro di squadra al servizio della comunità.
L’ultima parte dell’incontro, curata da Nicoll Tallarico – content manager di Virtual Agorà, è servita per illustrare il tour virtuale, spiegarne la tecnologia e la modalità di fruizione, con una “sperimentazione in diretta” animata da Lorenzo Riganello, ed un ringraziamento particolare è stato rivolto ad Officina Kreativa che ha curato lo sviluppo del software utilizzato per il tour virtuale, rappresentata da Vincenzo Milelli e Dario Megna presenti all’incontro.
I due giovani crotonesi sono infatti pionieri in questo campo e hanno messo al servizio delle tre giovani studentesse la loro esperienza. “Essere oggi, al fianco di Ludovica, Giulia e Nicoll – ha sostenuto Dario Megna – è essenziale, perché va in direzione del nostro sogno. Noi, da sempre, puntiamo a costruire sinergie e collaborazioni all’interno della città affinché si possa arrivare alla crescita e allo sviluppo di cui tanto si parla. Per noi, oggi, oltre al business e all’emozione legata all’evento, c’è la volontà di dare un segno forte a questo territorio attraverso la collaborazione, la costruzione di sinergie, di scambi di competenze a differenza di quanto accaduto sino ad oggi”.
“Virtual Agorà, ci spiega Ludovica. ha come obiettivo far arrivare la cultura a chiunque, senza magari la pesantezza dei libri, della lettura o di altri mezzi di comunicazione, con qualcosa di completamente diverso”. Ma, un altro, e ancor più grande obiettivo che le tre ragazze si sono poste è quello di “legare i giovani a Crotone. Noi – prosegue Ludovica – non viviamo qui per motivi di studio, eppure, questo è per noi un ponte. La bellezza è quella di tornare a Crotone, non solo per gli affetti e la famiglia, ma perché questa volta abbiamo un obiettivo che è per noi, per tutta la città. Un’avventura che non termina oggi con l’inaugurazione ma inizia oggi”.
Un messaggio che la città ha saputo cogliere in virtù della presenza davvero numerosa di giovani e meno giovani alla presentazione di un progetto che crea prospettive positive per la città intera. Una dimostrazione delle innumerevoli potenzialità dei giovani che meritano di essere sostenuti, a partire dalle loro famiglie così com’è accaduto a Ludovica, Giulia e Nicoll. Ciò che serve ora – come ha sottolineato la stessa Ludovica è un maggiore coinvolgimento degli enti pubblici e dei consorzi”.
Dopo la presentazione sono stati effettuati i primi tour virtuali, fruibili su prenotazione, con una presenza che ha coperto tutti i turni disponibili. Nei giorni a venire il tour sarà fruibile secondo un calendario che verrà reso noto successivamente.
L’evento è stato reso ancor più interessante grazie all’allestimento della mostra fotografica di due giovani artisti Vincenzo Lucente e Doriana Federico, mostra allestita per rendere ancora più emozionante il tour virtuale arricchito dalla presenza di quattro pannelli di approfondimento storico-letterario curati da Francesco De Marco.