Cultura & Spettacolo

Gli “Instabili” del Tribunale di Crotone tornano in teatro a Natale

Si rinnova l’appuntamento natalizio con la solidarietà della Compagnia Instabile del tribunale di Crotone, il 21 dicembre alle 20.30 al teatro Apollo si torna in scena con una tra le più divertenti commedie del grande Eduardo De Filippo: “La fortuna con la Effe Maiuscola”.
Il rapporto che dura da quasi 20 anni tra l’AIRC, Associazione Italiana per la Ricerca sul Cancro, e il Tribunale di Crotone è divenuto nel corso degli anni cooperazione, un lavorare continuo per riuscire a sconfiggere il male che inchioda tanta gente nei reparti di oncologia, che priva i malati della dignità, della gioia di vivere, che annienta le famiglie. La compagnia Instabile con tanti sacrifici da parte di tutti i suoi componenti, essenzialmente il personale della struttura giudiziaria cittadina, che per settimane si privano del poco tempo libero a disposizione per proporsi al meglio sul palcoscenico dell’Apollo, riesce a raccogliere cifre importanti che alimentano quella fiamma sempre accesa che è la ricerca.
Sarà una edizione speciale per la compagnia, il regista Ernesto Grimaldi è arrivato ad un traguardo importante per la vita di ogni lavoratore, il meritato riposo!!! Il 31 di dicembre la sua onorata carriera presso la Cancelleria del Lavoro giungerà al termine, ma siamo certi che non finirà il suo appassionato amore per il teatro.
Come da tradizione “instabile” faranno parte del cast ben quattro giudici, due dei quali al debutto, li abbiamo sentiti: “Il teatro per me continua ad essere una esperienza magica, in cui possiamo vivere innumerevoli vite. In cui, per il tramite dei personaggi che interpretiamo, possiamo fare esperienze esistenziali, anche fortissime, che ci sarebbero altrimenti precluse. La compagnia del Tribunale è inoltre un luogo dove, per il tempo delle prove e delle rappresentazioni, non ci sono schermi o barriere. Un luogo in cui tutti quanti, proprio come deve essere anche nel lavoro, siamo accomunati da un identico obiettivo. Sarò sempre grato al nostro regista, Ernesto Grimaldi, per avermi chiamato e per avermi dato questa possibilità di divertirmi e di dare una piccola mano agli scopi importanti dell’AIRC” così il giudice Emmanuele Agostini, che da quando è entrato a far parte della compagnia ha sempre indossato le vesti del protagonista delle storie emozionanti del teatro napoletano.
Alla seconda esperienza sul palco dell’Apollo, e sempre più entusiasta, il giudice Alessandra Angiuli ci racconta la sua esperienza: “Ricordo ancora lo stupore che ho provato lo scorso hanno quando Ernesto Grimaldi mi chiese di recitare nella compagnia del Tribunale. Ho accettato, nonostante l’inesperienza, perché mi divertiva l’idea di cimentarmi in qualcosa che fino a quel momento era stato distantissimo dalle mie occupazioni. Per automotivarmi mi dicevo che se pure non fossi stata all’altezza avrei comunque partecipato ad una buona causa, quella del finanziamento alla ricerca sul cancro. Giorno per giorno, facendo appello alla mia autoironia, ho scoperto un’attività molto formativa che mi ha regalato, oltre che nuove amicizie, anche un’inaspettata prospettiva sull’animo umano, tratteggiata dal mitico Eduardo. Veramente una bella scoperta”!
Debutto assoluto per il giudice Valentina Tumedei: “E’ una causa per la quale vale assolutamente la pena spendersi. Nella speranza di regalare sorrisi, è un onore fare qualcosa di concreto per contribuire alla ricerca. So che questa città, dal cuore così grande, non mancherà di esserci.”
Altro giudice al suo debutto da attore è il dott. Davide Rizzuti: “La compagnia del tribunale è riuscita a ritagliarsi nel corso degli anni un piccolo ruolo nella scena teatrale della zona ma un grandissimo ruolo nel campo della solidarietà, e in contesti difficili come i nostri, anche occuparsi di solidarietà non è semplice. La Compagnia è un luogo in cui si riescono a superare i ruoli che ognuno di noi ricopre, si abbattono le barriere istituzionali e si corre tutti nella stessa direzione, aiutare l’AIRC nella sua lotta contro il cancro”.
Sin dal 2000, fanno parte incessantemente del gruppo Salvatore De Rito, Antonio Scalise, Luigi Labonia e l’aiuto regista Maria Carmela Ressa, nel corso degli anni si sono aggiunti alla compagnia Amedeo Migale, Caterina Bilotti, Carmela Torromino, Mariangela Apa, Rosa Bruno, Salvatore Perri, Gaia Fico, Angela Basile e Fabrizio Carbone. A completare lo staff, le assistenti di scena Monia Muraca e Vittoria Minniti, e la costumista Gina Crugliano. Presenterà la serata la Dirigente del Tribunale Mariarosaria Donnici.
I biglietti sono acquistabili al costo di 10 euro presso il centro benessere Becos, sito in via Vittorio Veneto, l’intero ricavato sarà devoluto all’AIRC. Non mancate, la ricerca ha bisogno del calore dei Crotonesi.
Fabrizio Carbone

Articoli correlati