Cronaca

Gestione illecita di rifiuti speciali, sequestrato e denunce dei Carabinieri Forestale

Un vero e proprio caseificio abusivo a tutti gli effetti quello scoperto dai militari della Stazione Carabinieri Forestale di Acri durante un controllo in una azienda in località “Giamberga su alcuni animali presenti al suo interno. I militari hanno accertato che un magazzino dell’azienda era stato adibito a laboratorio per la produzione di formaggi. L’attività era esercitata in assenza di autorizzazioni dell’autorità sanitaria competente e non vi era quindi alcuna tracciabilità e rintracciabilità del prodotto che veniva venduto trasportati con un furgoncino. Si è pertanto proceduto al sequestro di circa due quintali di formaggi di varie forme e stagionatura. Durante il controllo, eseguito con il servizio veterinario, sono state elevate sanzioni amministrative per 6.500 euro. Gli stessi militari hanno nelle scorse settimane, a seguito di controllo agroalimentari a supermercati,macellerie e caseifici, elevato sanzioni amministrative per circa 20.000 euro .
Tremila euro di sanzione sono state elevate dai militari della Stazione Carabinieri Forestale di San Giovanni in Fiore ad un commerciante del luogo che usava “shoppers” non rispondenti a quanto previsto dalla normativa vigente. Inoltre dal controllo e dall’attività investigativa effettuata insieme ai colleghi di San Pietro in Guarano è emerso che questa attività ha proceduto allo smaltimento illecito di rifiuti solidi e liquidi provenienti dalla lavorazione di prodotti lattiero-caseario attraverso false attestazioni all’insaputa della ditta incaricata dello smaltimento. Due le persone denunciate in concorso per gestione e smaltimento illecito di rifiuti, appropriazione indebita, falsificazione di registri e truffa. Il titolare dell’attività e il dipendente acconsenziente della ditta di smaltimento di Crotone al quale venivano corrisposti prodotti caseari gratuitamente.