Sport

Crotone, vittoria all’ultimo respiro contro la Juve Stabia: Mustacchio e Benali regalano i primi tre punti allo Scida

Il Crotone infrange il tabù dello Scida e batte la Juve Stabia all’ultimo respiro grazie alle reti di Mustacchio e Benali, che in pieno recupero regalano agli squali i primi tre punti tra le mura amiche.

Match a senso unico sin dalla prima frazione di gioco con il Crotone che prova a fare la partita rendendosi subito pericoloso con un destro da fuori di Barberis al 4′. Approccio aggressivo della squadra di Stroppa che mette alle corde gli ospiti con un possesso palla fluido e una manovra offensiva corale mancando però l’appuntamento con il gol. I padroni di casa vanno vicinissimi al vantaggio al 23′ con lo scatenato Messias, bravo a incunearsi tra le maglie della retroguardia campana e scaricare un bolide su Russo, il quale respinge favorendo il tap in di Maxi Lopez che però si divora l’1-0 a porta sguarnita. L’assedio pitagorico continua al 28′ sull’asse Benali-Mustacchio (quest’ultimo preferito a Mazzotta sulla fascia destra con Molina ad occupare la corsia opposta) con il numero 7 che, dopo uno scambio rapido con il folletto libico, mette in mezzo un cross forte e teso che non trova la deviazione di nessuno. Col passare dei minuti la pressione rossoblù aumenta, la Juve Stabia chiude bene gli spazi ma la carica dei calabresi non accenna a diminuire: al 29′ è Barberis a provare il colpaccio con una bomba dalla lunga distanza, ma Russo è attento e strozza l’urlo in gola ai tifosi di casa con uno straordinario colpo di reni. La verve del metronomo degli squali è però incontenibile e al 37′, sugli sviluppi di una rapida combinazione con Maxi Lopez, sfiora nuovamente l’1-0 di un soffio.

Nella ripresa il Crotone aumenta ulteriormente intensità e ritmo alla ricerca del vantaggio. Stroppa prova a inserire forze fresche e al 58′ richiama in panchina Zanellato buttando nella mischia Crociata che al 63′, alla prima palla buona, non si fa pregare due volte e scarica un gran destro da fuori colpendo il palo. La girandola dei cambi rossoblù continua con l’ingresso di Simy e Mazzotta per Maxi Lopez e Molina, la Juve Stabia risponde con Cisse, Elia e Branduani, quest’ultimo in campo al posto dell’infortunato Russo. I pitagorici continuano a spingere, ma nonostante la gran mole di gioco e le numerose occasioni collezionate non riescono ad incidere sul risultato sfiorando per l’ennesima volta il vantaggio all’86’ con Benali che manca di poco lo specchio su un assist perfetto di Mazzotta. Ma non è finita qui. Proprio quando il match si avvia verso il viale del tramonto, finalmente si concretizza la supremazia dei padroni di casa che sbloccano la gara al 92′ sugli sviluppi di un corner battuto da Mazzotta: l’esterno sinistro pennella per la testa di Mustacchio, il tentativo del numero 7 viene inizialmente respinto dalla difesa ma sulla ribattuta è proprio l’ex Perugia a trovare il tempo per coordinarsi e battere Branduani facendo esplodere lo Scida. L’1-0 pitagorico demolisce psicologicamente le vespe, durante il resto dei minuti di recupero i campani lasciano intere praterie alla squadra di Stroppa che al 95′ ne approfitta bissando il risultato con un gran contropiede finalizzato da Benali.

CROTONE – JUVE STABIA 2-0 : 92′ Mustacchio, 95′ Benali.

CROTONE (3-5-2): Cordaz; Golemic, Marrone, Gigliotti; Mustacchio, Zanellato (58′ Crociata), Barberis, Benali, Molina (79′ Mazzotta); Messias, Maxi Lopez (69′ Simy). A disp.: Festa; Nalini, Vido, Bellodi, Itrak, Gomelt, Evan’s, Rutten, Panza.
All. Stroppa.

JUVE STABIA (4-3-3): Russo (64′ Branduani); Vitiello, Mezavilla, Troest, Germoni; Carlini (77′ Elia), Izco, Addae; Forte, Rossi (65′ Cisse), Melara. A disp.: Ricci, Boateng, Calo, Allievi, Vicente, Di Gennaro, Bifulco, Del Sole, Canotto.
All. Caserta.

Ammoniti: 24′ Rossi (J), 56′ Marrone (C), 84′ Branduani (J), 89′ Elia (J).

Arbitro: Baroni di Firenze; Assistenti: Sechi, Palermo; IV ufficiale: De Santis.

(Foto in evidenza: D’Urso)