Politica

Crotone: Ugo Pugliese incontra il MEIC

Si è svolto nella serata di sabato 9 aprile il primo incontro organizzato dal MEIC (Movimento Ecclesiale di Impegno Culturale) con i candidati a sindaco della città di Crotone. Primo ospite, il candidato per “La Prossima Crotone” Ugo Pugliese.
Pugliese ha elencato i punti principali del programma elettorale, partendo dallo slogan che lo caratterizza: un comune che funzioni, aperto ai cittadini e che offra al meglio i servizi, affinchè Crotone possa essere una città più bella e attrattiva.
“C’è la necessità – ha affermato il candidato sindaco Pugliese – di creare un volano di sviluppo, partendo dal porto, che ha una doppia potenzialità, sia dal punto di vista vacanziero, che dal punto di vista navale.” “Dal punto di vista vacanziero – ha continuato Pugliese – abbiamo stimato in 3 anni di avere 6/700 posti barca, metterli in rete, andando a creare 1200 nuovi posti di lavoro; dal punto di vista navale, abbiamo la possibilità, grazie alla sinergia con Fincantieri, di far aprire i cantieri navali proprio nella nostra città, nell’ex area industriale.”
Per Pugliese “tutto ciò è possibile grazie alla sinergia con l’aeroporto, il quale però ha bisogno di un piano industriale che veda la collaborazione del pubblico e del privato.”
“C’è la proposta di creare una filiera dei finocchi qui nel crotonese, con la raccolta e la lavorazione proprio qui, nella nostra terra, di questo prodotto, per poi portarlo in altri mercati grazie all’aeroporto che può benissimo essere adibito a scalo merci” – ha continuato Pugliese.
Continuando sul tema delle infrastrutture, il candidato a sindaco de La Prossima Crotone si è espresso anche sulla metropolitana di superficie, un collegamento veloce con la Sibaritide possibile anche dal punto di vista economico, che può far raggiungere la zona dello Ionio settentrionale allo scalo aeroportuale di Sant’Anna, amliando così il bacino d’utenza.
Ultimo, ma non d’importanza, punto affrontato da Pugliese, il settore turismo. “Crotone deve puntare sul settore turismo, non nel periodo estivo, poiché vive di vita propria, ma un turismo di nicchia da settembre a maggio, sfruttando la pesca sportiva in collaborazione con l’Area Marina Protetta. Insomma un turismo di qualità, non di massa – ha affermato Pugliese – andando a incentivare e sfruttare l’archeologia, la fetta del turismo religioso e la filiera agroalimentare.”
Dopo l’intervento del candidato a sindaco Pugliese, si è creato un dibattito con i soci del MEIC, molto positivo sui temi elencati, che ha visto un sano e coinvolgente confronto.