Attualità

Crotone: Al via tra gli ex di Soakro alle prime assunzioni al Congesi

Al via le prime 17 assunzioni da parte del Congesi, il Consorzio tra Comuni per la gestione del Servizio idrico integrato nel Crotonese”, nuovo soggetto subentrato a Soakro dopo il fallimento pronunciato dal Tribunale di Crotone lo scorso 18 gennaio.
Alle prime 17 assunzioni ne seguiranno altre 13.
Tali assunzioni consentiranno l’avvio delle attività di controllo e gestione delle acque del sistema idrico, depurazione compresa.
L’operatività sarà decretata dalla sottoscrizione della convenzione con cui i comuni assegnano al Consorzio la gestione del servizio idrico integrato, convenzione all’esame dei dirigenti comunali che nei prossimi giorni si esprimeranno in merito.
Le prime assunzioni saranno dunque 30 e per tutte si attinge tra gli ex dipendenti Soakro che, sulla base delle dichiarazioni del presidente di Congesi, Claudio Liotti, datate febbraio 2016 avranno un nuovo contratto che, dal punto di vista salariale e del trattamento in generale, non sarà uguale al precedente. Per i primi tre mesi sostenne in quell’occasione Liotti, “nessuno percepirà stipendio, ma dopo, attraverso gli introiti della bollettazione (1,3 milioni di euro all’anno) e le entrate provenienti dagli altri servizi, saremo in grado di provvedere a tutto”.
Il costo previsto per il personale é di 2,6 milioni di euro, vale a dire la metà di quella che pesava sui bilanci di Soakro.  Come ricordò sempre Liotti in occasione della approvazione economico-finanziario del Consorzio.
Il cda di Cogesi è così composto:
Claudio Liotti alla presidenza
Giovanni Scordamaglia, consigliere d’amministrazione,
Francesco Benincasa consigliere d’amministrazione.