Attualità

Crotone si colora di rosa per la prevenzione e il sostegno alla ricerca sul cancro al seno

Torna a ottobre il mese dedicato al tumore al seno: milioni di persone in tutto il mondo indossano il Nastro Rosa e centinaia di monumenti si illuminano per ricordare l’importanza della prevenzione e sostenere la ricerca sul cancro al seno. Solo in Italia ricevono una diagnosi di tumore della mammella 53.000 donne all’anno, il che equivale a circa 145 diagnosi al giorno. Il tumore al seno riguarda tutti, direttamente o indirettamente, perché colpisce una donna su nove nell’arco della vita, e con lei le persone che le stanno vicine. Ricevere una diagnosi fa però sempre meno paura, perché la sopravvivenza dopo cinque anni è aumentata fino all’87%.

Anche la città di Crotone ha aderito all’iniziativa.

Tre rotatorie illuminate di rosa in via Giovanni Paolo II, la nave spezzata, il legionario e la fontana situata nei pressi dello stadio Ezio Scida dove il delegato dell’Airc di crotone, Maurizio principe ha illustrato l’iniziativa alla stampa.

Diverse le iniziative che verranno messe in campo nel mese di ottobre, per raccogliere nuovi fondi da destinare ai ricercatori al lavoro per rendere il tumore al seno sempre più curabile.

Alla presentazione dell’iniziativa ha preso parte il giudice Raffaele Lucente, il sindaco di Crotone Ugo Pugliese, la presidente della Commissione comunale alle pari opportunità Maria Ruggero, gli assessori Carcea, Galea e Felice e alcuni soci AIRC.