Sociale

Crotone: Sabato ai campetti di Margherita il Torneo “Liberi di giocare”

Presentato questa mattina, presso la Casa della Cultura a Crotone il Torneo di calcetto dedicato alla memoria di Dodò Gabriele “Liberi di giocare”.
Anche quest’anno sui campetti di Margherita centinaia di bambini si ritroveranno per ricordare a tutti che quella sera Domenico Gabriele era nel posto giusto.
Una manifestazione, che richiama la partecipazione di diverse scuole calcio calabresi, fortemente voluta da Giovanni e Francesca Gabriele, genitori di Dodo.
Da quel 25 giugno del 2009 la vita di questi due genitori è stata stravolta.
Pertanto non si può e non si deve dimenticare.
Quest’appuntamento serve infatti per ricordare che l’indignazione, la rabbia, l’impegno non è solo una volta all’anno e ogni occasione è utile per ricordarlo.
Liberi di Giocare è organizzata dal coordinamento di Crotone di “Libera – Associazioni, nomi e numeri contro le mafie”, dall’Associazione “Dodò Gabriele”, dalla Federazione Italiana Giuoco Calcio Lega Nazionale Dilettanti – delegazione provinciale di Crotone e dall’A.I.A. Crotone.
Nel corso della presentazione sono state sorteggiate le squadre che si affronteranno nei due tornei.
Al torneo parteciperanno: Academy Crotone, Academy Lamezia, Forza Ragazzi Schiavonea, Juventus Club Isola Capo Rizzuto, Segato Viola Reggio Calabria, U.S. Vibonese Calcio
Programma:
ore 17.00 – Avvio Torneo
ore 18.30 – Inizio Manifestazione – Saluti
ore 19.00 – Finale del Torneo
ore 19.30 – Enrico Errico – Monologo su Dodò
ore 19.45 – premiazione
ore 20.00 – Buffet
Alla presentazione hanno preso parte Daniele Paonessa del Coni provinciale che Natale Colella, presidente dell’Associazione Italiana Arbitri di Crotone e Giuseppe Talarico, delegato provinciale della FIGC-LND, da sempre impegnato a fare in modo che quello che lui stesso definisce il “torneo più bello che organizziamo”.
Da parte sua il coordinatore provinciale di Libera Antonio Tata ha ricordato che  l’impegno in direzione della legalità deve essere di tutti e sempre.
Tra gli interventi anche quello del portavoce del sindaco uscente Peppino Vallone, Francesco Vignis che ha sottolineato l’importanza del fare memoria della vittime di tutte le mafie:
Alla conferenza stampa ha inoltre preso parte il giornalista e componente di Libera Bruno Palermo, autore del libro “Al posto sbagliato. Storie di bambini vittime di mafia” che ancora una volta facendo riferimento a Dodò ha ricordato che a Isola Capo Rizzuto è stato inaugurato un campo di calcetto realizzato con i fondi PON Sicurezza che avrebbe dovuto portare il nome di Dodò ma che non c’è nessuna targa a ricordarne il nome. “Mi piacerebbe ha detto Bruno Palermo che chiunque passasse davanti a quella struttura potesse leggere il nome di Domenico Gabriele, vittima di ‘ndrangheta”.