Cronaca

Crotone: Ridotta la portata dell’acqua in città, Sorical chiede al Comune di assolvere al suo debito

Da alcune segnalazioni di alcuni cittadini ci giunge notizia che in diverse zone della città di Crotone, da ieri si registra la mancanza dell’acqua.
Un problema annoso che  riguarda la rete idrica ormai obsoleta.
Rivolgendoci ai referenti della Task force del comune e attraverso un comunicato stampa dell’Ufficio comunicazione apprendiamo che:” Da notizie assunte non si registrano inconvenienti sulla rete idrica relativi a rotture ma si tratta di un calo di pressione della gittata dell’acqua”.
Per capire meglio e per dare una giusta informazione abbiamo chiamato gli uffici di Sorical e il responsabile dottor Laporta ci ha confermato quanto sostenuto dai cittadini ovvero disservizi in alcune zone della città da ieri, disservizi che non sono però addebitabili a Sorical.
Se si registreranno disservizi, in tutta la città,  da imputare a Sorical, da quanto abbiamo appreso ciò avverrà a partire da questa sera, poiché al momento le vasche di contenimento sono ancora piene.
Il responsabile di Sorical ci ha confermato che la riduzione della portata idrica è iniziata dalle 12,30 di oggi.
La ragione è da ricercare nel mancato pagamento di circa 700.000 euro da parte del Comune di Crotone riferita al servizio idrico fornito nel secondo e nel terzo trimestre del 2016.
La Sorical, società che ha in gestione gli acquedotti Regionali della Calabria e il relativo servizio di erogazione di acqua ad usi idropotabili, nei mesi scorsi aveva richiesto il pagamento del debito accumulato sulle forniture fatte direttamente al comune pitagorico che non ha mai risposto alle richieste.
Tra l’altro ci è stato sottolineato che il debito era dilazionabile ma si sa le casse comunali piangono e a farne le spese sono sempre i cittadini.
I tempi in questa vicenda sono importanti per evitare che si tiri in ballo la fallita Soakro.
Se il primo trimestre era Soakro il referente di Sorical a partire dal secondo trimestre del 2016 il referente è divenuto il Comune di Crotone poiché è ad esso Soakro ha consegnato gli impianti.
In questo lasso di tempo Sorical ha battuto cassa sottolineando che la somma dovuta poteva essere soggetta a dilazioni, purtroppo non avendo ricevuto alcuna risposta e nessuna somma oggi ha deciso di passare all’azione.
Un azione che Sorical ha messo in campo anche ai tempi di Soakro e in quell’occasione diversi furono i tavoli che si susseguirono in Prefettura, vedremo ora che cosa accadrà.
Purtroppo, come già sottolineato a farne le spese sono sempre e solo i cittadini.