Politica

Crotone: FI ribadisce il centro destra c’è ed è presente

In questa convulsa e confusa competizione elettorale, in cui a prevalere, purtroppo e come al solito , sono le chiacchiere, stiamo assistendo, prevedibilmente e maldestramente , alla rinascita di un vecchio modo di fare politica. Un modo di fare politica che credevamo morto e sepolto. Per sempre e per davvero. E tutto questo con un solo ed unico scopo. Quello di creare confusione e con la malcelata speranza di apparire per quello che non si è. E’ una tattica vecchia. Logora e noiosa. Della serie “parlare tanto per parlare” , pur non avendo nulla da dire.
Lo sostengono attraverso un comunicato stampa i referenti di Forza Italia a Crotone  Salvatore Pacenza,Fabio Pisciuneri e Giusy Regalino.
A questo riguardo e con l’unico obiettivo di sgombrare il campo da equivoci e fraintendimenti – scrivono gli esponenti di FI – vogliamo ribadire con forza e determinazione che il centrodestra a Crotone c’è ed è presente . Ed è un centro destra, rappresentato da Forza Italia e da Fratelli d’Italia , senza Salvini , che in questa competizione elettorale, assieme ai moderati liberali e popolari , con una propria lista, senza simboli di partiti ma con la propria storia, i propri ideali e i propri valori, ha scelto di candidare a sindaco l’imprenditore Antonio Argentieri Piuma.
Ed allora – proseguono Pacenza, Pisciuneri e Regalino – più che discettare in maniera inopportuna e quindi blaterare di centro sinistra e di centro destra, argomenti che in questo momento non interessano e non appassionano nessuno, sarebbe più utile e forse anche più interessante che i cittadini elettori conoscessero la visione strategica complessiva che i candidati a sindaco, e i candidati a supporto delle loro liste, hanno di Crotone
Del ruolo che Crotone dovrà avere all’interno della costituenda area vasta .
Del ruolo che la città vorrà recitare all’interno della regione Calabria e dell’intera area del Mediterraneo.
Queste sono le cose che interessano i crotonesi .
E non altro.
Non interessa ai crotonesi la prossima Crotone , o meglio ancora la solita Crotone, vecchia trita e ritrita, che sa di guasto e rancido pur presentandosi con paillettes, lustrini, papillon, ricchi premi e cotillon .
Non interessa ai crotonesi la preannunciata rivoluzione con amore di chi e degli stessi che hanno portato la città allo sfascio più totale e al degrado più assoluto.                                                                                                     Non interessa ai crotonesi chi si propone e si presenta, senza averne le carte in regola, come la continuazione e la riproposizione di un modello amministrativo, unico e inimitabile, ormai datato e lontano nel tempo.
Non interessa ai crotonesi chi sull’antipolitica di maniera e di mestiere vorrebbe costruire le proprie fortune politiche altrimenti irraggiungibili con le proprie forze .
Ai crotonesi non interessa nulla di tutto questo.
Ai crotonesi interessa il Lavoro . Quel lavoro che negli anni passati fece di Crotone un anomalia positiva in Calabria e in tutto il meridione d’Italia.
Ai crotonesi  – proseguono Pacenza, Pisciuneri e Regalino – interessa la Legalità . Quella legalità perduta per colpa di quanti hanno lavorato a rendere questo territorio esposto e vulnerabile agli attacchi della ‘ndrangheta e del malaffare.
Ai crotonesi interessa la Libertà . La libertà concludono i tre referenti di Forza Italia Crotone – che resta il valore fondamentale e irrinunciabile e non negoziabile per cui vale la pena di combattere e lavorare , sperare e soffrire .