Cronaca

Crotone, pulizia e manutenzione dei corsi d’acqua: la Prefettura richiama l’attenzione degli Enti competenti

Le problematiche concernenti la pulizia dei corsi d’acqua nell’ambito delle attività mirate a prevedere, prevenire e fronteggiare eventuali situazioni di emergenza connesse a fenomeni idrogeologici ed idraulici del territorio provinciale sono state al centro di una riunione, svoltasi alla Prefettura di Crotone e presieduta dal Viceprefetto Vicario Sergio Mazzia,

Alla riunione hanno preso parte il Presidente della Provincia nonché Sindaco di
Crotone, numerosi Sindaci di altri comuni e Commissari Straordinari assistiti dai
responsabili degli Uffici tecnici, i rappresentanti dell’Autorità di Bacino Distrettuale
dell’Appennino Meridionale, dei Dipartimenti dei Lavori Pubblici e Agricoltura della
Regione Calabria, nonché i rappresentanti dei Vigili del Fuoco, dell’Azienda Calabria
Verde, dell’Anas, del Consorzio di Bonifica “Ionio Crotonese” e di Rete Ferroviaria
Italiana.

In considerazione dell’imminente stagione invernale, è stata richiamata la particolare
attenzione degli Enti, sulla necessità dell’adozione di tutte le misure finalizzate alla
pulizia e manutenzione di corsi d’acqua, alvei dei fiumi, torrenti, canali e fossi di scolo
e, conseguentemente sollecitata ogni utile iniziativa per la messa in sicurezza del
reticolo idraulico.

Nel corso dell’incontro sono stati verificati i finanziamenti allo stato esistenti per la
manutenzione ordinaria e straordinaria dei corsi d’acqua, peraltro non sufficienti per le
necessità evidenziate

Sono state, inoltre, richiamate le competenze degli enti territoriali in materia di
monitoraggio e tutela del territorio, con particolare riferimento alla verifica di fabbricati
abusivi, soprattutto di quelli costruiti nelle fasce di rispetto dei corsi d’acqua.
Ai rappresentanti regionali tutti i Sindaci hanno rivolto le richieste di incremento
delle somme da destinare alla manutenzione dei corsi d’acqua.

Il Viceprefetto Vicario ha ribadito la necessità di azioni sinergiche e coordinate tra
tutte le componenti del sistema di protezione civile, a tutela della pubblica e privata
incolumità.
(foto archivio)