Cronaca

Crotone, posizionata la lapide sulla tomba di Naima la giovane somala morta a seguito delle violenze subite in Libia

Posizionata, questo pomeriggio, nel cimitero di Papanice la lapide di marmo sulla tomba di Naima, la giovane somala che sbarcò a Crotone, con altri 601 migranti, da una nave di Medici Senza Frontiere, proveniente dall’inferno della Libia e subito trasferita in ospedale.
Naima stava male era molto debilitata, non mangiava, era molto sofferente perché violentata per tutti i 9 mesi di gravidanza.
Nei suoi occhi il terrore, nel suo cuore il dolore per quanto subito e quel corpo violato, ripetutamente. Prima che i suoi occhi si chiudessero alla vita, Naima diede alla luce una splendida bimba di 1.500kg.
La comunità di Papanice accolse le sue spoglie nel piccolo cimitero.
Nei giorni scorsi l’appello di Enrico Pedace raccolto dalla ditta Scicchitano Marmi che ha realizzato, gratuitamente.