Attualità

Crotone, nasce il Comitato “Fondo Gesù nel cuore” per dar voce ad un quartiere abbandonato da anni

“Dare voce e dignità ad un quartiere ormai abbandonato da anni” è questo il motivo che ha spinto un gruppo, nutrito, di abitanti di Fondo Gesù a dar vita al Comitato cittadino “Fondo Gesù nel cuore”.
La presentazione è avvenuta nel corso di una conferenza stampa, svoltasi nella paninoteca “Da Poldo”, nella centralissima via Di Vittorio e a cui ha preso parte un nutrito numero di abitanti del quartiere, uomini e donne che auspicano un’inversione di tendenza rispetto al passato.
Cittadini che hanno a cuore il futuro del loro quartiere, così come viene messo in risalto dal logo, un grande cuore in cui campeggia la Chiesa e i colori della città.
“Chiediamo un quartiere vivibile”. Sostiene il presidente del Comitato Felice Torromino, nel sottolineare che, il comitato nasce per dar voce ai cittadini, affinché migliori la qualità e la funzionalità dei servizi nel quartiere, così come il dialogo con le Istituzioni locali.
“Per troppo tempo, questo quartiere, ad alta densità abitativa, è stato bacino di voti per molti ma puntualmente – ha proseguito Torromino – sono rimaste disattese le aspettative dei suoi abitanti. Basta guardarsi intorno. L’edilizia popolare in primis, qui i problemi sono molti. Sulle nostre teste c’è l’eternit. Non abbiamo un parco giochi per i bambini, non c’è un campetto di calcio su cui giocare, il verde non c’è come non c’è la pulizia delle strade, non viene mai eseguita la disinfestazione. Ci sentiamo abbandonati. Si ha la sensazione che siano stati alzati muri tra la città e questo quartiere, eppure qui c’è un’autostazione, ci sono uffici, ci sono supermercati ma nonostante tutto si avverte forte il distacco con il resto della città. Questo comitato, nato casualmente da un incontro tra amici, intende abbattere questi muri di indifferenza, eliminare questo distacco che avvertiamo dal resto della città”.
Ad affiancare il presidente Felice Torromino, il vicepresidente Roberto Bilotta , il segretario Francesco Satiro e il tesoriere Antonio Rigillo.
A breve partirà il tesseramento e con esso le proposte tutte tese a migliorare la qualità e la funzionalità dei servizi nel quartiere